Editoria: Procura chiede giudizio per Ciancio Sanfilippo (Antenna Sicilia). Editore: “Sono indignato”. Ipotesi concorso esterno associazione mafiosa

La Procura di Catania ha depositato la richiesta di rinvio a giudizio nei confronti dell’editore di Antenna Sicilia e del quotidiano La Sicilia (di cui è anche direttore) Mario Ciancio Sanfilippo, ipotizzando il reato di concorso esterno all’associazione mafiosa.

In precedenza la Dda etnea aveva chiesto l’archiviazione del fascicolo, ma il Gip in udienza camerale aveva sollecitato nuove indagini. Secondo quanto reso noto dall’ANSA, il fascicolo era stato assegnato al Gup Marina Rizza, che si è astenuta restituendo gli atti al presidente dell’ufficio, Nunzio Sarpietro, che non ha ancora assegnato l’incarico a un altro giudice. Nell’avviso di conclusione delle indagini la Procura di Catania sottolineava che "la contestazione si fonda sulla ricostruzione di una serie di vicende che iniziano negli anni ’70 e si protraggono nel tempo fino ad anni recenti" e "riguardano partecipazione ad iniziative imprenditoriali nelle quali risultano coinvolti forti interessi riconducibili all’organizzazione Cosa Nostra" e in particolare a un centro commerciale. Titolari dell’inchiesta sono il procuratore Giovanni Salvi, l’aggiunto Carmelo Zuccaro e il sostituto Antonino Fanara. (E.G. per NL)
printfriendly pdf button - Editoria: Procura chiede giudizio per Ciancio Sanfilippo (Antenna Sicilia). Editore: “Sono indignato”.  Ipotesi concorso esterno associazione mafiosa