Editoria, USA: il New York Times ci ritenta con l’accesso a pagamento

Lo scorso anno aveva dato segni di reale cedimento. Prima vendendo parte del grattacielo di cui era proprietario, poi accettando l’aiuto del magnate messicano Carlo Slim, che con 200 milioni di dollari cercò di rinsavire le casse del giornale.

Ora la situazione non è migliorata: l’advertising online crolla sotto gli occhi di tutti, anche se i lettori (sorprendentemente) aumentano. Soprattutto nell’edizione online. Stiamo parlando della versione telematica del New York Times, di fronte ad bivio: i lettori dovranno pagare o potranno proseguire nella consultazione gratuita? Risposta scontata, visto l’andamento della pubblicità: i lettori pagheranno. Così il quotidiano online replica quanto fatto, senza successo, nel 2005, cercando di rendere a pagamento l’accesso ad alcuni dei suoi contenuti. Ancora non è chiaro quale sarà la metodologia prediletta: se quella del Wsj.com, che offre contemporaneamente articoli a pagamento o contributo gratuiti, o quella del Financial Times, quotidiano online che rende disponibile una determinata quota di articoli free al mese, oltre i quali l’accesso diviene obbligatoriamente a pagamento. La decisione del NYTimes non sorprende e non solo perchè la caduta libera dell’advertising è un fenomeno al quale si cerca rimedio ormai da un biennio, ma anche a seguito del massiccio sviluppo di dispositivi elettronici che permettono la fruizione di giornali e notizie in movimento. Non stupisce allora che la decisione di far pagare i contenuti del Times sia stata presa poco prima del lancio di iSlate, la pc tablet di Apple (che segue quella di Microsoft-Hp) che promette di rivoluzionare il mercato. Dobbiamo progressivamente abituarci all’idea di poter fruire notizie anche attraverso dispositivi diversi dal tradizionale computer. Prima di tutto perché l’evoluzione tecnologica investirà, ancor prima di accorgersene, anche le nostre abitudini; secondo perché essere raggiunti da contenuti dedicati potrebbe essere un vantaggio anche per i lettori (per i professionisti soprattutto). (Marco Menoncello per NL)

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - Editoria, USA: il New York Times ci ritenta con l'accesso a pagamento

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL