Elettrosmog: preoccupazione degli operatori per la proposta di legge n. AC4240-B, contenente disposizioni in materia ambientale

Tale proposta (attualmente all’esame della Commissione ambiente della Camera, in terza lettura), denuncia l’associazione Aeranti-Corallo, “contiene una norma che, qualora venisse approvata, introdurrebbe a carico degli operatori di rete radiotelevisivi e dei concessionari radiofonici" nuovi gravosi oneri economici.

Nel merito, la norma proposta introduce "l’obbligo di corrispondere le spese relative all’attività di accertamento da parte dell’organismo competente ad effettuare i controlli di cui all’art. 14 della legge 22 febbraio 2001, n. 36 (legge quadro sull’elettromagnetismo), connesse all’attività di verifica e controllo, in occasione delle domande rivolte ai Comuni per ottenere l’autorizzazione per nuove attività (ad esempio installazione di torri o tralicci) o per modifiche di attività ed im-pianti già esistenti”. “Il che – sottolinea il sindacato di categoria – si tradurrebbe in nuovi, ulteriori oneri economici a carico degli operatori di rete radiotelevisivi e dei concessionari radiofonici”. (M.L. per NL)
 
printfriendly pdf button - Elettrosmog: preoccupazione degli operatori per la proposta di legge n. AC4240-B, contenente disposizioni in materia ambientale
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on telegram
Send Mail 2a1 - Elettrosmog: preoccupazione degli operatori per la proposta di legge n. AC4240-B, contenente disposizioni in materia ambientale

Lifegate, Roveda: siamo l’opposto di una radio commerciale. Ma non siamo comunitari

IN ARRIVO