First tv: dall’unione di banner e cinema nasce una nuova web tv

Sempre più numerose le televisioni via internet


Nasce una nuova web tv e da oggi fare zapping, grazie al mouse, è ancora più facile. Si chiama First TV, è stata lanciata il 28 maggio scorso da GTI (Gruppo Televisivo Italiano) e offrirà 250 film nostrani e stranieri. L’idea è stata portata avanti da GTI e in collaborazione con il partner tecnologico We Strema che ha permesso la visione sul web con la qualità televisiva di uno schermo intero (full screen) a 20.000 utenti simultaneamente. Ad oggi è possibile scegliere tra 20 film di diverso genere (polizieschi, commedie, horror, fantascienza) e, settimanalmente, ne saranno aggiunti tre. Ogni film è privo di interruzioni, sarà annunciato da una presentatrice e, per permettere la fruizione gratuita, l’annuncio sarà preceduto da uno spot pubblicitario. Inoltre, durante la proiezione appariranno in trasparenza per qualche secondo dei banner tematici. Enrico Torrini, a.d. di GTI (ovvero la concessionaria pubblicitaria di tv locali che, con un investimento da un milione e mezzo di euro, ha permesso la nascita di First Tv), ha spiegato: “Siamo come un canale televisivo che arriva via Adsl e abbiamo scelto una presentazione semplice, a forma di catalogo con le locandine di film, perché si possa scegliere come con il telecomando. Puntiamo ad un pubblico di 500 mila utenti-telespettatori al mese. Il nostro obiettivo, dal 2009, è una raccolta pubblicitaria da tre milioni di euro l’anno”. First Tv si rivolge ad un pubblico moderno, che ha voglia di vedere solo ciò a cui è davvero interessato e soprattutto è una tv che si adatta alle esigenze della società attuale in cui le persone hanno sempre meno tempo libero e passano la maggior parte del tempo davanti al pc e non davanti alla tv. L’offerta però è adatta anche a persone di 40 – 50 anni perché la vera battaglia è sul fronte dei contenuti. Lo stesso giorno del lancio di First Tv, Telecom Italia ha presentato una community Tv su Internet che da la possibilità di realizzare un canale televisivo personale e personalizzato con filmati autoprodotti e contributi video on demand. La novità di Telecom Italia si chiama Yalp! (“play” letto al contrario) e rende possibile la visione online a qualità dvd e pieno schermo di 19 canali tv nazionali ed esteri (France 24, Al Jazeera ecc); è inoltre possibile vedere i canali dedicati di alcune importanti squadre di calcio. Gli utenti hanno una gamma di scelta che comprende 40 mila contenuti on demand tra video, musica, sport e circa l’80% dei contenuti è gratuito. Inoltre i canali creati dagli utenti che risulteranno essere i più votati dalla community saranno inseriti nella sezione Tv di Yalp! Qoob tv (nata da MTV Italia e Telecom Italia) ha scelto invece un’altra strada: quella del modello web 2.0, puntando sui contenuti creati dagli utenti e la novità è che dal 29 maggio si presenta in due modalità; è infatti fruibile sul web (anche per mobile) e sul digitale terrestre (via etere). Glomera invece, piattaforma utilizzata dalle associazioni, aziende o singoli per creare canali personalizzati, prende spunto dai blog televisivi. Dopo la migrazione sul web della musica è ora la volta dei contenuti video che vanno dalla tv alla rete. Chi sarà il prossimo? (Silvia Bianchi per NL)

printfriendly pdf button - First tv: dall’unione di banner e cinema nasce una nuova web tv