Frequenze. Basta sottrazione a favore del mobile: posizione comune del CEPT contro la destinazione della banda sub 700 MHz

La Conferenza Europea dei regolatori delle Poste e delle Telecomunicazioni (CEPT) ha deliberato l’assunzione di una ferma posizione comune contro l’assegnazione della banda 470-694 MHz UHF ai servizi mobili.

L’impegno è stato sottoscritto da 30 paesi europei (esclusi Danimarca  che si è opposta e Bulgaria, Finlandia, Grecia e Svezia, che si sono astenuti) al meeting di Porto (Portogallo) del 2/5 giugno (7th CPG-15). Il protocollo sarà ora esaminato da 48 amministrazioni per l’approvazione formale entro la fine di luglio in vista della World Radio Conference ITU di Ginevra prevista per novembre. Nel consesso WRC-ITU si decideranno le politiche e le modalità di assegnazione su base primaria e co-primaria dello spettro radiofrequenziale. (E.G. per NL)
printfriendly pdf button - Frequenze. Basta sottrazione a favore del mobile: posizione comune del CEPT contro la destinazione della banda sub 700 MHz
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on telegram
Send Mail 2a1 - Frequenze. Basta sottrazione a favore del mobile: posizione comune del CEPT contro la destinazione della banda sub 700 MHz

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL