Fulvio Pedrazzini: un alpino, due guerre e tante lettere

«Ricordo un lontano Natale di guerra, quello del 1917, quando ancora coi miei Alpini ero sullo Zugna: anche in quel giorno vi ho tanto pensato. Ma allora non avevo che 19 anni. Ora ne ho 44 e lo spirito è mutato.» Lettera ai genitori dal fronte russo, Natale 1942.

Fulvio Pedrazzini (1898-1974), giovane avvocato valtellinese, ufficiale degli Alpini, ha combattuto in entrambe le guerre mondiali: sullo Zugna e sul Piave dal 1917 al 1920, sul fronte occidentale nel 1940 e sul fronte russo dal 1942 col Battaglione «Tirano», comandato a prestare servizio presso il Quartier Generale della 2ª Divisione alpina «Tridentina». Della sua esperienza bellica ha lasciato traccia in un gran numero di lettere inviate alla famiglia, amorosamente conservate dai genitori all’epoca della Prima guerra mondiale e poi dalla moglie e dai figli nel corso della Seconda. I toni lirici ed entusiasti del giovane alpino divenuto uomo in trincea, fortemente motivato da una guerra patriottica sorretta dal dovere di cacciare lo straniero dal sacro suolo della Patria, si stemperano negli scritti inviati dalla Russia dal soldato maturo e consapevole della disfatta, anche se pervicacemente legato alle proprie convinzioni. Il suo epistolario costituisce una testimonianza di grandissimo interesse storico e documentale, scritta in contemporanea agli eventi narrati, da cui emerge il ritratto di un uomo che ha vissuto intensamente e attivamente la storia del suo tempo. Edito da Mursia (www.mursia.com), il libro è in vendita ad euro 14,00. (M.L. per NL)
printfriendly pdf button - Fulvio Pedrazzini: un alpino, due guerre e tante lettere
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on telegram
Send Mail 2a1 - Fulvio Pedrazzini: un alpino, due guerre e tante lettere

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL