Gaffe imperdonabile per il boss di “Reporters sans frontieres”

Robert Mènard, a capo della nota organizzazione per la salvaguardia della libertà d’espressione nel mondo, difende la tecnica della tortura ai microfoni di un’emittente francese


A qualcuno sarà andato di traverso il boccone che stava masticando, qualcun altro avrà strabuzzato gli occhi incredulo, altri ancora avranno pensato che sarebbe l’ora di smettere di bere quando, intervistato dall’emittente France Culture, Robert Mènard, storico boss di Reporters sana Frontieres, si è lasciato andare a commenti irragionevoli nei confronti della tortura. Già, il leader della più grande associazione mondiale che si occupa della difesa della libertà in ogni sua forma e di quella intellettuale in particolar specie, ha parlato dei metodi utilizzati in guerra da alcuni governi per punire i responsabili di atti gravissimi, torturandoli con metodi ai limiti (se non vistosamente oltre) dell’inumanità. Il fatto è stato denunciato, in Italia, dal cronista de “il Manifesto”, Franco Carlini, che ha posto l’accento su come Mènard abbia, tra le righe, ma in realtà poco velatamente, legittimato l’utilizzo della tortura come metodo punitivo nei confronti dei responsabili d’orrendi crimini come il rapimento o l’omicidio. “Se avessero preso in ostaggio mia figlia, non ci sarebbe stato limite alcuno, ve lo dico e ve lo ripeto, all’uso della tortura”, avrebbe affermato Mènard, in riferimento all’increscioso episodio del giornalista del “Wall Street Journal”, Daniel Pearl. Il cronista fu sequestrato e assassinato in Pakistan alcuni anni addietro da un gruppo di terroristi. Il governo Musharraf, allora, come atto di provocazione nei confronti dei rapitori, fece arrestare e torturare decine di familiari dei presunti rapitori, con l’epilogo che tutti conoscono. Mènard, nel suo intervento, ha giustificato e legittimato quella decisione, ricorrendo, come afferma nel suo blog Gennaro Carotenuto, ad “argomenti tipici usati dai grandi torturatori della storia, i Videla, i Pinochet”. (Giuseppe Colucci per NL)

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - Gaffe imperdonabile per il boss di “Reporters sans frontieres”

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL