Gli italiani crescono con internet e la tecnologia. Anche se la banda larga è tra le ultime in Europa

L’Istat ha recentemente reso noti i dati riguardanti l’ultima indagine sul rapporto tra gli italiani e la tecnologia. Come era prevedibile la tecnologia in Italia cresce piuttosto velocemente, soprattutto nelle case dove vivono minorenni.

Diversamente, la penetrazione di pc e dispostivi elettronici fatica ad aumentare nelle famiglie composte esclusivamente da persone oltre i 65 anni. Fin qui, nulla di nuovo. Del resto, per l’epoca che stiamo vivendo, è più che ovvio che le generazioni più istruite, nonché con più dimestichezza, siano proporzionalmente quelle più giovani. Senza contare che dopo i 35 anni, chi usa più spesso e volentieri computer, cellulari o acquista televisori sono uomini. Le donne sembrano abbandonare progressivamente la tecnologia per altro, nonostante fino a quel fatidico traguardo dei 35, sembrano altrettanto interessate al fenomeno dell’evoluzione dell’elettronica. Altrettanto nota nel nostro Paese è la popolarità dei cellulari che, sempre secondo quanto rilevato dalla predetta indagine Istat, avrebbero sorpassato di gran lunga il numero di televisori posseduti dai nuclei familiari. Oltre a ciò è importante sottolineare il crescente aumento di lettori dvd, la cui veloce propagazione conduce inesorabilmente i “vecchi” videoregistratori al capolinea. L’unico dato pressoché allarmante rimane quello non dell’utilizzo del web, bensì della diffusione della banda larga: la penetrazione di connessioni Adsl o simili in Italia è da considerare ancora inferiore alla media europea, con risultati purtroppo paragonabili a quelli di Cipro o della Repubblica Ceca. Questo nonostante le crescenti promesse e offerte di servizio della Penisola, che si moltiplicano assieme al numero di gestori. Naturalmente, nelle famiglie in cui l’accesso alla rete è garantito ne cresce molto velocemente l’utilizzo. Particolarmente rilevante per il settore editoriale è la percentuale crescente di utenti che si connettono per leggere o scaricare (anche a pagamento) giornali e riviste, sintomo del fatto che anche l’edicola, come il videoregistratore, potrebbe in un futuro (decisamente più remoto) passare a miglior vita. Rimane curioso almeno un dato su tutti: quelle secondo cui ad internet si connettono bambini già intorno ai 6 anni, scrivendo e-mail e raccogliendo materiale informativo per ricerche e compiti scolastici. Una conferma della velocità e facilità con la quale, anche in Italia, è possibile avvicinarsi all’ormai indispensabile tecnologia. (Marco Menoncello per NL)

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - Gli italiani crescono con internet e la tecnologia. Anche se la banda larga è tra le ultime in Europa

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL