Il bastone del comando (release T.2): la rivincita dei favelados

Il rinvio deciso dal governo all’introduzione del DVB T2 è motivato dall’evoluzione tecnologica in corso che oggi impedisce di capire se prevarrà lo standard H.264 o quello HEVC.

Parole di Giacomelli per zittire le malelingue che vorrebbero la decisione di spostare nel tempo l’introduzione del nuovo formato del digitale terrestre come l’ennesimo regalo per i superplayer dominanti, che vedono come il diavolo la nuova tecnologia, posto che potrebbe, se non annientare, quantomeno mettere a pesante rischio le attuali rendite di posizione. Già, perché con le nuove tecniche di compressione il costo della capacità trasmissiva precipiterà e, poiché non c’è la fila di nuovi fornitori di servizi di media audiovisivi, è presumibile un aumento della competizione tra i network provider che certo non favorirà né Mediaset, né RAI. Ma, soprattutto, col DVB T2 si dovrà pesantemente mettere mano alla rabberciata pianificazione LCN, che fatalmente dovrà andare nella direzione delle tre cifre (modello Sky, per intenderci). Un sistema democratico che pone, più o meno, sullo stesso piano il numero 101 (oggi 1) con numero 191 (oggi 91), che in termini urbanistici corrispondono alla differenza tra un attico in centro e uno slum. Tenuto conto che la pigrizia dei telespettatori spinge il 50% a frequentare essenzialmente la prima decina di numeri e l’85% a non andare oltre la trentina, a voi la valutazione della posta in gioco.
 

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - Il bastone del comando (release T.2): la rivincita dei favelados

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL