Il conto, prego

berlusconi20dito20alzato - Il conto, prego
Che gli editori televisivi minori fossero considerati dal governo Berlusconi una palla al piede non lo avevano capito solo i tonti o quelli con gli occhi foderati di salame.

Però, dopo aver cancellato con un colpo di spugna le provvidenze per l’editoria, aver falciato i contributi ex L. 448/1998, aver assegnato nelle aree digitalizzate frequenze da liberare entro pochi mesi e LCN infrequentabili, presentare alle tv locali una gabella annuale di 27.750,00 euro per un territorio servito sino a 200.000 abitanti e di 55.500,00 in caso di superamento del limite (si tenga presente che per l’intero territorio nazionale si paga solo il doppio), dà proprio la berlusconi20dito20alzato - Il conto, pregomisura del piano di sterminio programmato (oggi le emittenti corrispondono un canone pari all’1 % del fatturato dell’anno precedente). E, peraltro, nemmeno basta, perché, a mente dell’allegato 10 al Codice delle comunicazioni elettroniche (cui rimanda l’art. 7 delle determine di assegnazione della frequenze DTT), “I titolari di diritti di uso di frequenze radioelettriche per l’espletamento di servizi di rete diffusiva TV sono tenuti al pagamento dei contributi annui di seguito indicati: a) per larghezza di banda fino a 100 KHz esclusi 1.110,00 euro; da 100 KHz inclusi a 1 MHz escluso 5.550,00 euro; da 1 MHz incluso a 10 MHz esclusi 11.100,00 euro; da 10 MHz inclusi 22.200,00 euro”. E ancora: “I titolari di diritti di uso di frequenze radioelettriche per l’espletamento di servizi di rete di contribuzione televisiva punto-punto o punto-multipunto sono tenuti al pagamento dei contributi annui di seguito indicati: a) per larghezza di banda fino a 100 KHz esclusi 1.110,00 euro; da 100 KHz inclusi a 1 MHz escluso 5.550,00 euro; da 1 MHz incluso a 10 MHz esclusi 11.100,00 euro; da 10 MHz inclusi 22.200,00 euro”. Tabelle, quelle dell’allegato 10, che il MSE-Com ha deciso unilateralmente di applicare in barba alla norma speciale contenuta all’art. 17, comma 2-bis, del Testo Unico dei servizi di media audiovisivi e radiofonici, che delega l’Agcom alla determinazione dei contributi dovuti. Questo sì che si chiama un governo “del fare”.

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - Il conto, prego

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL