Imperi mediatici. Tv, GB: News Corp rileva tutta BSkyB

Non c’è crisi per il magnate globale delle telecomunicazioni Rupert Murdoch, che si prepara a sborsare 8 miliardi di sterline (circa 9,6 miliardi di euro) per acquisire il totale controllo di British Sky Broadcasting Group.

BSkyB, di cui News Corp possiede già una quota del 39%, e nel cui consiglio di amministrazione siede James Murdoch, figlio di Rupert (foto), è la maggiore pay-tv satellitare nel Regno Unito, potendo contare su un bacino di 9,8 milioni di utenti. Negli ultimi anni, peraltro, l’azienda ha investito anche nella banda larga e nell’alta definizione, con ottime prospettive di sviluppo, secondo gli analisti. I motivi dell’operazione non appaiono ancora evidenti, al di là delle dichiarazioni degli esponenti di News Corp circa la liquidità da investire, il consolidamento del core business e la possibilità di sfruttare le economie di scala. E’ certo una conferma che, nella visione dei media di Murdoch, il settore TV rimane il più redditizio e meritevole di investimenti, a scapito del versante, largamente in crisi, della carta stampata. Ma c’è anche chi ipotizza un collegamento di questa vicenda con la prossima attivazione del “paywall” (anglicismo che definisce l’accesso a pagamento) sui siti web di due dei maggiori quotidiani che fanno capo a News Corp: il Times e il Sun. L’ipotesi sarebbe quella di abbinare alle sottoscrizioni ai giornali online le offerte di accesso internet a larga banda di BSkyB, allo scopo di invogliare i riluttanti lettori a fruire dei nuovi servizi pay. Quindi un’espansione a tutto campo di Murdoch nel settore dei media inglesi che ora sarà sottoposta al vaglio delle autorità antitrust europee e britanniche. E, a riguardo, va detto che ciò potrebbe creare qualche problema anche a livello governativo in Gran Bretagna. Se infatti le testate di News Corp hanno fortemente contribuito al successo dei conservatori nelle ultime elezioni, non altrettanto buoni sono stati finora i rapporti con l’altra componente dell’esecutivo britannico, i liberal-democratici. Insomma un gran business per lo Squalo, ma anche una bella gatta da pelare per il premier Cameron. (E.D. per NL)

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - Imperi mediatici. Tv, GB: News Corp rileva tutta BSkyB

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL