Incontro a Palazzo Chigi e con gli editori. FNSI: pieno impegno sul contratto e sugli ammortizzatori

(Franco Abruzzo.it) – “Il ministro Sacconi – dice la nota della Fnsi – ha dato la massima disponibilità ad aprire subito il tavolo sugli ammortizzatori sociali di settore, per un confronto anche sulle nuove linee generali allo studio su questa materia e verificare lo stato di attuazione del protocollo del 2007 sul lavoro autonomo giornalistico”. Fieg: “Il dialogo con la Fnsi procede”.

Roma, 5 marzo 2009. La Federazione nazionale della stampa, ricevuta questa sera a Palazzo Chigi, ha assicurato al Governo «pieno impegno per concludere il lungo negoziato contrattuale e per un rigoroso e concreto utilizzo degli ammortizzatori sociali ai fini della gestione delle aree di criticità del settore e di rilancio dell’industria dell’informazione e del lavoro professionale». «Nuovo contratto e ammortizzatori sociali – ha sostenuto la delegazione Fnsi (il segretario Siddi, il presidente Natale, il segretario aggiunto Rossi, il direttore Tartaglia) – sono strumenti indispensabili per un nuovo piano regolatore di settore capace di generare, in prospettiva, le condizioni utili per governare la congiuntura e salvaguardare le indispensabili professionalità». «Il sottosegretario Paolo Bonaiuti e il ministro del Lavoro e Maurizio Sacconi – riferisce il sindacato dei giornalisti – hanno sottolineato lo sforzo del governo con l’intervento finanziario in materia di prepensionamenti (apprezzato dalla Fnsi) e la disponibilità a procedere rapidamente, sentite le parti sociali, a definire la direttiva di attuazione. Gli ammortizzatori sociali, come è stato comunemente riconosciuto dai rappresentanti del governo e della Fnsi, vanno considerati tuttavia non solo per quanto riguarda i prepensionamenti ma anche nelle altre fattispecie che si vorrebbero più orientate alla tutela o alla ripresa dell’occupazione».giornali(1) - Incontro a Palazzo Chigi e con gli editori. FNSI: pieno impegno sul contratto e sugli ammortizzatori
«La protezione sociale dei lavoratori giornalisti è fondamentale – ha detto Siddi – ma in questa fase di difficoltà e grandi cambiamenti occorre saper saldare ogni azione e ogni intervento dettato dalla congiuntura ad una corretta gestione degli eventuali problemi occupazionali con attenzione alle competenze e qualità che debbono assicurare respiro ai giornali. Rigore nella gestione delle crisi, impegno responsabile per affrontare tutti gli aspetti di quadro economico e di salvaguardia di tutte le voci necessarie a garantire correttamente il pluralismo. In questo quadro, guardando oltre la congiuntura, gli stati generali dell’editoria ipotizzati dal governo, per la Fnsi, dovrebbero diventare un momento alto di riflessione, da preparare adeguatamente, ai fini di un nuovo quadro legislativo degli interventi di sistema che uno Stato deve assicurare all’industria dell’informazione». «Il sottosegretario Bonaiuti ha comunicato che nel prossimo mese di aprile sarà disponibile una prima indagine commissionata dal governo, su cui si aprirà il confronto con le parti sociali. Il ministro Sacconi – conclude la nota della Fnsi – ha dato la massima disponibilità ad aprire subito il tavolo sugli ammortizzatori sociali di settore, per un confronto anche sulle nuove linee generali allo studio su questa materia e verificare lo stato di attuazione del protocollo del 2007 sul lavoro autonomo giornalistico». (ANSA).

FIEG: “A Palazzo Chigi, ampia disponibilità dal Governo. Esecutivo auspica la conclusione del contratto. Il dialogo con la Fnsi procede”

Roma, 5 marzo 2009.  Il governo ha dimostrato «ampia disponibilità a dare rapida attuazione alle nuove norme» sugli ammortizzatori sociali nel settore dell’editoria: è quanto ha affermato il presidente della Federazione degli editori, Carlo Malinconico, dopo l’incontro tenutosi oggi a Palazzo Chigi, su invito del sottosegretario Paolo Bonaiuti e con la partecipazione del ministro del Lavoro Maurizio Sacconi. «La situazione delle imprese editrici di giornali è estremamente difficile, a causa del repentino e gravissimo calo dei fatturati pubblicitari, che giunge in alcuni casi anche al 60% rispetto al medesimo periodo dello scorso anno – ha detto Malinconico uscendo dall’incontro – e la leva degli ammortizzatori sociali è essenziale per preservare il più possibile la capacità competitiva delle imprese e per superare l’attuale fase di contrazione dei ricavi potendo contare su un più ridotto costo del lavoro». «In questo senso – ha proseguito Malinconico – abbiamo trovato nel governo ampia disponibilità a dare rapida attuazione alle nuove norme sui prepensionamenti e grande attenzione alle possibili sinergie di questo specifico strumento con gli altri posti a disposizione della legge». «Il ministro Sacconi e il sottosegretario Bonaiuti hanno anche auspicato una positiva e rapida conclusione del negoziato per il rinnovo del contratto collettivo dei giornalisti – ha concluso il presidente degli editori – e in questo senso il rapporto con la Federazione della stampa sta proseguendo costruttivamente». (ANSA)
printfriendly pdf button - Incontro a Palazzo Chigi e con gli editori. FNSI: pieno impegno sul contratto e sugli ammortizzatori
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on telegram
Send Mail 2a1 - Incontro a Palazzo Chigi e con gli editori. FNSI: pieno impegno sul contratto e sugli ammortizzatori

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL