Internet: registrato a fine gennaio un maxi cyber-attacco. Coinvolte almeno 2500 aziende

Secondo Netwitness, un’azienda della Virginia che avrebbe scoperto l’attacco in questione, sarebbero stati coinvolti 75mila computer di almeno 2500 aziende in 196 diversi paesi.

È un bilancio disastroso quello che è stato registrato, intorno al 26 gennaio, dall’ingegnere Alex Cox della Netwitness. Secondo Cox gli hacker responsabili dell’attacco sarebbero localizzati, per la maggiorparte, nell’Europa dell’est, ma alcune unità sarebbero posizionate anche in Cina, dove i controlli di specie sono di gran lunga minori che in molti altri paesi (ed è curioso pensare che i controlli siano minori proprio nel paese in cui l’accesso alla rete è più limitato a seguito di pressioni governative). La scoperta di Cox ha dato modo di comprendere come si siano mobilitati i pirati informatici incriminati: inviando e-mail sospette ai dipendenti delle società coinvolte, si conduceva gli stessi a cliccarci sopra, allo scopo di estrapolare dati sensibili aziendali, numeri di carte di credito, credenziali di accesso dei dipendenti dei grossi comparti di tecnologia e sanità (in sostanza, una vastissima operazione di phishing). Tra le vittime più segnate dall’attacco ci sarebbero naturalmente gli Usa, ma anche Messico, Arabia Saudita, Egitto e Turchia. Secondo quanto riportato dal Wsj, il maxi cyber-attacco avrebbe interessato, tra le altre, dieci agenzie governative degli Stati Uniti, la Paramount Pictures e i giganti farmaceutici Merck & Co. e Cardinal Health Inc. (Marco Menoncello per NL)

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - Internet: registrato a fine gennaio un maxi cyber-attacco. Coinvolte almeno 2500 aziende

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL