Investimenti pubblicitari a +4,8%. Vola Internet. Male free press e periodici. Aumentano gli inserzionisti

I risultati delle indagini sull’advertising effettuati da Nielsen mostrano una crescita degli investimenti nel periodo gennaio – agosto 2010 in tutti i principali media, ad eccezione della stampa, dove emergono notevoli differenze tra quotidiani e periodici.

Rispetto allo scorso anno, nei primi 8 mesi di quest’anno si è registrato in particolare un aumento della spesa pubblicitaria del 4,8% con + 5,3 miliardi di euro. Quanto all’andamento dei mezzi di comunicazione, la crescita maggiore dell’advertising viene rilevata su Internet, che si attesta a + 17,7%. In radio gli investimenti sono aumentati, rispetto al periodo gennaio-agosto 2009, del 12,8% ed in televisione del 7,7%, con una raccolta pubblicitaria maggiore ai 2,9 miliardi di euro. Il dato relativo al piccolo schermo considera sia i canali generalisti che i canali satellitari e, tra quest’ultimi, i marchi Sky e Fox. Fanalino di coda è la stampa: se, rispetto al 2009, i quotidiani a pagamento a livello commerciale nazionale mostrano un aumento del 3% – con una crescita degli investitori del 5,7% – vanno male invece la free press ed i periodici, nei quali la spesa pubblicitaria è calata rispettivamente del 10,8% e del 8,4%. Si mantengono stabili, poi, gli investimenti in cinema, cards e transit e migliorano i dati relativi a direct mail (+5,7%) e outdoor (+8,9%). Rispetto allo scorso anno, gli inserzionisti pubblicitari sono in aumento (+0,7%), in particolare su internet (+ 27,4%). Sul web i maggiori investimenti sono stati compiuti dai settori media/editoria (+58,5%) ed automobili (+27,3%). In tv – dove gli inserzionisti sono cresciuti del 9,1% – alimentari, telecomunicazioni e automobili sono i settori trainanti che hanno registrato notevoli aumenti, mentre è calata la spesa pubblicitaria dei settori media/editoria e finanza/assicurazioni. Se il settore automobili si conferma il principale sulla radio (+ 4,4%), sono notevolmente cresciuti nel mezzo radiofonico anche gli investimenti della distribuzione (+35,6%) e delle telecomunicazioni (+35,2%). Nel complesso, alimentari, automobili, telecomunicazioni, bevande/alcolici e abbigliamento, che costituiscono i primi 5 settori negli investimenti pubblicitari, sono aumentati in linea con l’andamento del mercato. (D.A. per NL)

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - Investimenti pubblicitari a +4,8%. Vola Internet. Male free press e periodici. Aumentano gli inserzionisti

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL