Italiani sempre più teledipendenti, i giovani si allontanano dalla tv generalista

XXXXI Rapporto del Censis: cresce a dismisura Sky, bene il digitale. Male, invece, Iptv e tv sul cellulare


“Oggi guardare la televisione significa avere l’opportunità di scelta tra una di queste possibilità. Non per tutti, ma per molti e oggi, non in un futuro più o meno lontano”. Lo dice il XXXXI rapporto del Censis, il Centro Studi Investimenti Sociali fondato nel 1964, che si occupa di ricerche socioeconomiche sulla popolazione italiana. Per quanto riguarda l’affezione degli italiani verso la televisione, non v’erano dubbi: gli italiani sono teledipendenti. Colpisce, altresì, l’incremento costante di affezionati che il piccolo schermo accumula col passare degli anni. Và da sé che le reti generaliste, Rai, Mediaset e La7, perdano colpi di anno in anno: le nuove leve preferiscono affidasi alla varietà offerta dalle reti satellitari o dalle nuove piattaforme. Ma la vecchia cara tv non accenna, comunque, a perdere ascolti. Negli ultimi dodici mesi, infatti, il pubblico della tv, ossia tutti coloro che ne fruiscono (in chiaro, in pay tv, su internet, via cavo, sul videofonino), è aumentato dal 94,4% al 96,4% della popolazione italiana. Il solo Sky è cresciuto in maniera impressionante nel 2007: dal 17,7% al 28,3%, un vero plebiscito. Anche il digitale terrestre pare abbia iniziato ad ingranare, passando dal 7% del 2006 all’attuale 13,9% della popolazione al di sopra dei 14 anni.
Rai e Mediaset, accompagnate da La7, stanno, invece, perdendo colpi. La tv tradizionale, generalista e per famiglie, continua a cedere il passo alle nuove formule televisive, tanto sul piano dei contenuti quanto su quelli della piattaforma utilizzata. Talk show, reality e programmi d’intrattenimento per il cittadino medio, che hanno caratterizzato gli anni ottanta e novanta, sono sempre più spesso soppiantati dalle nuove serie americane provenienti dal satellite (“Disperate Housewives”, “Lost” e “Dexter”, ad esempio): i giovani tra i 14 e i 29 anni che guardano la tv tradizionale sono scesi nel 2007 dal 99,1& al 93,5%. Qualcosa vorrà dire.
Ancora indietro rispetto alle aspettative, poi, il numero degli utenti che guarda la tv via internet: l’Iptv colleziona solo il 7,1% del popolo della tv; la tv sul videofonino, invece, si ferma solo all’1,1%. I risultati, per ora, sono ancora nettamente inferiori alle previsioni. Ma una cosa è certa: il trend di utenti che utilizzano queste piattaforme è inversamente proporzionale a quello dei fruitori della tv generalista. (Giuseppe Colucci per NL)

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - Italiani sempre più teledipendenti, i giovani si allontanano dalla tv generalista

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL