La donna e la cattiva pubblicità: tutta colpa dei pubblicitari?

La pubblicità ha sempre preso spunto dalla realtà: in origine fonti ispiratrici erano l’arte e la musica, mentre negli ultimi decenni la pubblicità trae sempre più ispirazione dai media e, nello specifico, dalla televisione”.

Secondo Lorenzo Marini e gli altri ospiti intervenuti alla conversazione organizzata dall’IAA, International Advertising Association, su La Persona femminile nella pubblicità, la televisione, più della pubblicità, rappresenta la donna come mero oggetto sessuale. A supporto di questa posizione è stata presentata da Fabio Veronica del Censis una ricerca sulle Donne in TV e donne nella vita reale condotta da Elisa Manna, Responsabile delle politiche culturali del Censis. Secondo lo studio, dai programmi televisivi non emerge la pluralità che contraddistingue la donna nella vita reale: nel 58% dei casi, infatti, la donna non ha voce. Non solo, nel 43% delle apparizioni televisive le donne sono presentate in relazione ai temi dello spettacolo, della moda, della bellezza e della sessualità. Anche le inquadrature vanno in questa direzione: nel 30% dei casi indugiano sugli attributi sessuali delle donne. La rappresentazione stereotipata e lontana dalla realtà che caratterizza le donne della pubblicità e dei media nasce, però, dalla cultura italiana. Secondo Maurizio Rompani, Direttore Generale TP, intervenuto alla conversazione, “ritrovarsi a parlare del ruolo della donna è indice del fatto che anche dopo anni questo rimane un problema irrisolto della società italiana”.  La conversazione IAA tenutasi in Sipra il 15 marzo 2011, è stata introdotta dal Prof. Edoardo Teodoro Brioschi, Presidente dell’IAA – Italy Chapter, e moderata da Enrica Roddolo, giornalista de Il Mondo, ed ha ospitato i seguenti relatori: Fabio Veronica del Censis, Gabriella Cims, consulente del Mistero dello Sviluppo Economico, Vincenzo Guggino, Segretario Generale dell’Istituto di Autodisciplina Pubblicitaria, Carlotta Ventura, Responsabile Media e Sponsorship presso Telecom Italia, Lorenzo Marini, creativo pubblicitario di Lorenzo Marini & Associati, Filippa Lagerback, testimonial e conduttrice RAI, Giorgio Marino, Presidente di Film Master, Maurizio Rompani, Direttore Generale TP.  Tutti i video della conversazione saranno resi disponibili sul sito www.iaaitaly.org.
printfriendly pdf button - La donna e la cattiva pubblicità: tutta colpa dei pubblicitari?