La riforma delle tlc approvata dal Parlamento europeo

Via libera dell’Europarlamento alla proposta di riforma del settore delle Tlc messa a punto dalla Commissione europea, ma con un ridimensionamento dell’Authority unica prevista da Bruxelles


ADUC.it

Accolgo favorevolmente il voto del Parlamento Ue sulla costituzione del regolatore europeo, anche se sara’ piu’ piccolo di quello proposto dalla Commissione” afferma il commissario Ue ai Media Viviane Reding, sottolineando che “purtroppo il nuovo regolatore non sara’ responsabile della sicurezza delle reti“, come prevedeva il testo normativo di Reding. La rigorma prevede anche la riduzione delle tariffe.
L’Europarlamento ha inoltre dato luce verde al progetto di separazione funzionale che consente ai regolatori nazionali di decidere di procedere allo scorporo gestionale della rete dai servizi, solo in casi estremi, per garantire lo sviluppo della concorrenza. Adesso la palla passa ai ministri competenti dei paesi membri.
L’associazione che rappresenta alcuni dei principali operatori del settore delle Tlc, Etno, ha accolto con favore il voto del Parlamento europeo sul pacchetto telecomunicazioni e sull’introduzione di nuove misure per accelerare il dispiegamento di reti ad alta velocità. “Tuttavia, l’Etno rimpiange l’approvazione di emendamenti contraddittori che porteranno ad una indebita regolazione delle nuove reti in fibra ottica e rimane molto preoccupata dalle nuove misure sulla separazione funzionale“, si legge in una nota.
L’inclusione di misure equilibrate per incoraggiare gli investimenti da parte di tutti gli operatori e consentire una buona condivisione del rischio da parte degli investitori e di chi chiede l’accesso è un segnale positivo, visto l’attuale peggioramento della performance nel settore delle telecomunicazioni europee“, ha spiegato Michael Bartholomew, direttore di Etno.
Nonostante l’introduzione di nuove condizioni per la sua applicazione, la mera introduzione della separazione funzionale nella lista dei possibili rimedi rischia di creare ulteriore incertezza e scoraggia seriamente gli investimenti in nuove reti.
Etno continua a ritenere che non ci sia nessuna giustificazione per l’inclusione di una tale drastica, costosa e irreversibile misura.

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - La riforma delle tlc approvata dal Parlamento europeo

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL