Home Radio e TV La scomparsa di Angelina Demarchi (Rttr)

La scomparsa di Angelina Demarchi (Rttr)

Nei giorni scorsi è mancata Angelina Antonia Grande in Demarchi, nota per l’intensa attività nella Tv Rttr e in Radio Rtt di Trento. Un personaggio importante per le due emittenti, sempre al fianco dell’editore, il marito Egidio


da Millecanali

È morta nei giorni scorsi Angelina Antonia Grande in Demarchi, editrice della televisione Rttr e di Radio Rtt di Trento. Come ricorda l’Ansa, era nata a Cornedo Vicentino 63 anni fa. Finiti gli studi si era trasferita in Trentino dove aveva conosciuto Egidio Demarchi, con cui era accumunata da un’identica passione per il lavoro.
Allora Egidio Demarchi aveva una catena di negozi di elettrodomestici, ma ben presto decise che le televisioni non andavano solo vendute, ma anche riempite di contenuti: in questo modo è diventato uno dei pionieri della comunicazione radiotelevisiva privata in Trentino e in Italia.

Era il 1980 e anche questa volta al suo fianco c’era la moglie Angelina, che si è divisa fra lavoro e famiglia con il suo spirito imprenditoriale e la fiducia tutta veneta nel farsi da soli. Più che un braccio destro, era lei di fatto l’editore di Radio e Tv.
Si era commossa nel 2005 nel vedere il sindaco di Trento consegnare il sigillo della città – l’aquila di san Venceslao – al marito Egidio, al fianco della figlia Marta che ha 28 anni e del figlio Davide che di anni ne ha 26.

Una soddisfazione che l’aveva ripagata di tanti sacrifici e anche di qualche pagina amara, come quando per un giorno aveva sofferto la vita del carcere pagando un errore altrui. Il riconoscimento sembrava averle dato la forza per vincere di nuovo il tumore sconfitto una ventina di anni prima e riemerso, invece alcuni anni fa. Angelina Antonia Grande in Demarchi non si è mai persa d’animo ed ha continuato fino all’ultimo a varcare le soglie della sua azienda che non era per lei solo una fonte di profitto ma la ragione stessa della sua forza.

Alla famiglia e a tutto il gruppo radiotelevisivo trentino le condiglianze della redazione di Millecanali.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here