Libri: calano i lettori italiani

Secondo i dati Istat, sono quasi quattrocentomila i lettori persi nel 2007


. Anche in fatto di libri, gli ultimi giorni dell’anno coincidono con un momento di bilanci, oltre che di previsioni e di buoni propositi per il futuro. Quello che sta volgendo al termine, tuttavia, non sembra essere stato un anno di grandi letture. Infatti, in Italia, Paese tradizionalmente poco propenso alla lettura, il numero di quanti dichiarano di aver letto almeno un libro nel corso del 2007 è sceso di un punto percentuale, passando dal 44,1% al 43,1%. A dichiararlo sono i dati Istat, pubblicati sul sito dell’Istituto(www.istat.it/dati/catalogo/20071212_00/contenuti.html), in base ai quali circa quattrocentomila italiani in meno rispetto all’anno precedente hanno letto un libro, per un totale di lettori di poco più di ventiquattro milioni. Il calo del numero di lettori del 2007 segue due anni di lento, ma progressivo aumento configurandosi, pertanto, come un fenomeno in controtendenza. Secondo l’Ufficio studi dell’Aie, l’Associazione degli Editori Italiani, che stima intorno ai trentatre mila al mese il numero di lettori persi nel corso dell’anno, si registrano due fenomeni contrapposti. Da un lato, chi legge, legge sempre di più. Infatti, coloro che dichiarano di leggere più di dodici libri all’anno (con una media di uno al mese), sono aumentati dal 12.9% alò 13.3%. D’altra parte, il numero di chi legge poco (ovvero da uno a tre libri all’anno) si è progressivamente ampliato. Infatti, i cosiddetti ‘lettori deboli’ sono passati da undici milioni e mezzo a undici milioni, con la conseguenza che è aumentata la percentuale di coloro che non hanno letto neppure un libro nel corso dell’anno. Nel commentare i dati pubblicati dall’Istat, il presidente dell’Aie, Federico Motta, ha affermato che la situazione italiana «è la dimostrazione che, se il Paese non investe sulla lettura, gli indici calano. La mancanza di una politica culturale trova immediato riscontro nella realtà, come ci confermano questi dati». L’istituzione di un Centro per il libro e la lettura, per il quale si attende da più di anno, sono le auspicabili contromisure suggerite da Motta. (Mara Clemente per NL)

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - Libri: calano i lettori italiani

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL