Mediaset su Chiambretti, stop a Bonolis

«Paolo vuole fare Sanremo? Bene, ma starà fermo anche a primavera»


da Corriere.it

MILANO — Piero Chiambretti verso Mediaset. Paolo Bonolis fermo un giro. Novità annunciate mercoledì da Alessandro Salem, direttore generale Contenuti, alla presentazione dei palinsesti autunnali di Canale 5, Italia 1 e Retequattro: «Stiamo parlando con Chiambretti — ha detto il manager —. Non abbiamo ancora chiuso, ma c’è un contatto importante». Nessun programma, invece, per Paolo Bonolis.

Bonolis e Chiambretti

Tornerà in Rai a fare Sanremo? «Non abbiamo nulla in contrario alla sua ambizione artistica. In questo momento non è in palinsesto, e se facesse Sanremo non lo sarebbe nemmeno a primavera — ha spiegato Salem —, ma abbiamo intese su altri progetti». Viste le tensioni fra la Rai e il Comune di Sanremo, Mediaset non pensa di rubare la rassegna alla tv di Stato? Senza ambiguità la risposta di Pier Silvio Berlusconi: «Per noi non avrebbe senso. È una manifestazione forte, ma di anno in anno perde pubblico. Non è coerente con la nostra linea editoriale, diciamo che è un po’ anziano, e neanche con l’analisi costi-ricavi». Il concetto di «giovane» è tornato più volte nelle parole del vicepresidente del gruppo, protagonista in giacca e jeans della festa di mercoledì con inserzionisti pubblicitari, artisti (Ale e Franz lo hanno coinvolto nella gag della panchina) e manager: «La nostra linea editoriale è la modernità. Sarebbe facile, come fa il nostro competitor, puntare su un pubblico anziano, statico. Noi cerchiamo quello più pregiato, giovane e attivo. In un momento non facile per l’economia chi investe e sa rischiare alla fine vince. Noi abbiamo fiducia e contiamo anche in quella degli investitori».

Ed ecco cosa vedremo il prossimo autunno.

Canale 5 conferma «Paperissima», «Zelig» e «C’è posta per te». Fra le novità Maria De Filippi che apre la sua scuola di «Amici» sette giorni su sette (approda anche alla domenica pomeriggio, divisa con Paola Perego, ma Maria al sabato lascerà la conduzione a Luca Zanforlin), un reality sul bon-ton condotto da Rita Dalla Chiesa che manderà una ragazza al ballo delle debuttanti di Vienna, «Pomeriggio 5», striscia quotidiani di intrattenimento-informazione sul modello di «Mattino 5». Fra le fiction torna «Distretto di polizia», arrivano «Crimini bianchi» sulla malasanità, il «Sex and the City» milanese «Amiche mie», «Anna e i cinque» con la Ferilli nella doppia veste di tata e ballerina da strip tease, «Crociera Vianello» con Sandra e Raimondo e lavori con Castellitto, Pasotti e Gerry Scotti. Italia 1 conferma «Le iene» e molte serie americane, punta su Teo Mammuccari con una sit com, un game show e una fiction, rilancia «La talpa» con la Perego.

E sperimenta tre sit com: «Medici miei» con Enzo Iacchetti, Giobbe Covatta ed Elisabetta Canalis; «Vous les femmes» con Alessia Marcuzzi; «Strip Porn», trasgressiva solo nel titolo, con Anna Falchi vedova di un porno-imprenditore. Grandi cambiamenti per il calcio. «Controcampo» e «Guida al campionato» passano (retrocedono?) da Italia 1 a Retequattro, si fa un pensierino alla Coppa Uefa («Ci piacerebbe, ma il nostro budget e i costi per il momento non coincidono», ha detto Pier Silvio Berlusconi) e la nascita di «Premium Calcio 24», canale sul digitale terrestre dedicato interamente al mondo del pallone. E la concorrenza di Sky? «Il nostro business sul digitale terrestre ci sta portando risultati indipendentemente dalla concorrenza. Loro hanno 4,5 milioni di abbonati, ma sembra che si siano un po’ fermati, noi corriamo e siamo a 2 milioni 600 mila tessere vendute. E se stiamo trattando per dare alla loro piattaforma calcio e altri canali, non lo faremo con Joi, Mya e Steel».

Andrea Laffranchi

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on telegram
Send Mail 2a1 - Mediaset su Chiambretti, stop a Bonolis

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL