Mtv, un nuovo che sa di vecchio?

Presentato il nuovo palinsesto che piace, ma non convince


“Making sense” sarà il nome della nuova linea editoriale di Mtv. L’a.d. Antonio Campo Dall’Orto illustra il nuovo palinsesto spiegando la volontà di “trovare un senso” e costruirlo sui pilastri di innovazione e credibilità, temi fondamentali della grande emittente musicale. Al fianco di Campo Dall’Orto, Alberto Rossini annuncia le novità del palinsesto 2007/08, nate dal processo di selezione delle idee battezzato v.a.r.o.: vicinanza, autorevolezza, rilevanza, originalità. E’ grande la determinazione che ha coinvolto gli editori ed i coordinatori di Mtv e che ha permesso di fissare i criteri necessari allo sviluppo di nuovi format. Rossini desiderava due nuovi programmi e due nuovi volti per l’autunno. Risultato? Quattro programmi e cinque volti, ma non tutti inediti!
Pescato tra le Iene di Canale 5 arriva Pif, con un programma leggero ma tagliente di approfondimento che toccherà i grandi temi d’attualità, dalla mafia al mercato pornografico. Segue l’area tematica il blogger Mario Adinolfi, che condurrà il talk show Pugni in tasca, dove i giovani cercheranno di confrontarsi con lo scopo di smascherare i luoghi comuni dell’Italia che cambia. Per quanto riguarda Trl (Total Request Life, ndr), l’ex letterina ed ex naufraga de L’isola dei famosi, Elena Santarelli, sarà il “nuovo” volto: l’intento è palesemente quello di trasformare la Santarelli in una vera icona pop femminile, sulle orme del successo ottenuto dalla statunitense Carmen Electra. New entry per la band Zero Assoluto, che condurrà il primo quiz live firmato Mtv, Vale tutto. E per concludere, è previsto il grande debutto di Ambra Angiolini, la cui sinergia sembra essere indiscussa agli occhi dell’a.d. Campo Dell’Orto. Alla Angiolini (foto) non è ancora stata affidata alcuna trasmissione televisiva.
Commenti taglienti arrivano dal popolo dei blogger della rete, che si mostrano stupefatti e piuttosto perplessi dalle scelte di Mtv su Angiolini e Santarelli: gli utenti della rete parlano di un nuovo che sa di vecchio. E qualcuno comincia a chiedersi se le sopra citate conduttrici stiano scappando da altre emittenti o siano alla ricerca della eventuale popolarità perduta. Del resto Mtv, con il programma Cercasi VJ , è sempre stata capace di creare dal nulla personaggi ed icone popolarissime tra i giovani. Perchè dunque ripescare personaggi dal passato, recente o remoto che sia? (M.M.)

printfriendly pdf button - Mtv, un nuovo che sa di vecchio?
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on telegram
Send Mail 2a1 - Mtv, un nuovo che sa di vecchio?

Lifegate, Roveda: siamo l’opposto di una radio commerciale. Ma non siamo comunitari

IN ARRIVO