Pubblicità: nel 2015 crescita mondiale. Ma non in America ed Europa

Nel 2015 il quadriennale trend negativo degli investimenti pubblicitari mondiale potrebbe invertirsi, anche se a beneficiarne saranno soprattutto i mezzi web resident, a danno di carta stampata, cinema e in genere media non elettronici.

Secondo il report Trend&Forecast, elaborato da GroupM per Wpp, il prossimo anno assisteremo ad una crescita del mercato pubblicitario, a livello mondiale, del 17,7% rispetto al 2007 e del 4,5% rispetto al 2013, con una collocazione a quota 404,8 mld di euro. In volata ci saranno le macro-aree Asia-Pacific con quote di mercato in crescita dal 25,7% al 33%;  Middle East&Africa, up da 2,2% a 3,7% e Latin America, su da 4,4% a 6,7%. In calo il Nord America (da 38% a 32,7%) e l’Europa (-5,6%, con calo di 5,7mld negli ultimi sette anni con l’Italia in discesa da -32% vs 2007 a -2,3% nel 2014. Nel dettaglio della penetrazione dei media, la tv detiene il comando con il 53% di market share, mentre avanza il web (+6,1%) che detiene il 20% di quota di mercato. Le previsioni pe ril 2015 individuano una crescita generale dell’1,5%, una crescita web del 7,5% (21,5% di quota di mercato) e una tv che incrementa il business dell’1%, ma perde leggermente nel market share (dal 53% al 52,7%). (E.G. per NL)
printfriendly pdf button - Pubblicità: nel 2015 crescita mondiale. Ma non in America ed Europa
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on telegram
Send Mail 2a1 - Pubblicità: nel 2015 crescita mondiale. Ma non in America ed Europa

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL