Quando si dice che internet vola

Il WiFi ha preso il volo, letteralmente. Notizia dell’ultima ora: Facebook ha portato a termine il primo volo di prova di Aquila, un drone di 453 Kg, con l’apertura alare di un Boeing 737, costruito in fibra di carbonio e alimentato da energia solare, in grado di trasmettere, con fasci laser, connessioni a internet sulla terraferma in un’area dal diametro di quasi 100 chilometri.

Il primo viaggio è durato 96 minuti, ma l’obiettivo è far sì che questi droni possano rimanere in quota, guidati da un software apposito, anche per diversi anni prima di dover essere sostituiti. Dove sta l’interesse? Nel fatto che “Facebook non vuole effettivamente gestire questi droni; l’idea è di cedere i progetti, in modo che possano essere gestiti dai governi locali per portare la rete nelle aree rurali“. Il principio, oltretutto, ricalca il progetto Skybender di Google e ha tutte le potenzialità per creare delle reti “fisse” e rimuovere i problemi di prestazioni delle connessioni mobili anche fuori dalle grandi città. Auto, computer, cellulari e tutto ciò che entrare nell’IoT interconnessi con una struttura di rete che viaggia sopra le nostre teste, a 60mila piedi e in totale autonomia.
printfriendly pdf button - Quando si dice che internet vola
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on telegram
Send Mail 2a1 - Quando si dice che internet vola

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL