Radio digitale, Messico: il Comitato nazionale della radiotelevisione invoca lo switch off radiofonico entro il 2015

Entro il 2015, in Messico, l’intero comparto televisivo nazionale spegnerà il segnale analogico per passare al digitale.

Come reso noto dal quotidiano locale El Universal, e riportato dal blog Radiopassioni, il CIRT (il Comitato nazionale dell’industria radiotelevisiva) ha richiesto al Ministero delle Comunicazioni messicano che, di pari passo con la televisione, anche la radio migri alla trasmissione del segnale in digitale. Da anni, il Comitato spinge perché l’intero comparto vada incontro a un ammodernamento, poiché delle quasi 1700 stazioni esistenti nel Paese, 853 utilizzano ancora le anacronistiche onde medie analogiche. Al termine di uno studio pubblicato lo scorso agosto, infatti, il CIRT – che riunisce le radio commerciali del paese – ha spiegato come l’adozione di uno standard FM di trasmissione ibrido, come l’HD Radio, il cosiddetto IBOC (iBiquity’s in-band on-channel) – tra l’altro utilizzato negli Stati Uniti e già sperimentato da numerose emittenti messicane che trasmettono da stati confinanti con loro –, potrebbe portare a un ammodernamento generale dell’industria radiofonica, spingendo le emittenti che attualmente utilizzano le onde medie verso un balzo tecnologico necessario. La soluzione migliore, secondo il presidente del CIRT Rafael Borbon, sarebbe quindi quella di seguire il percorso di digitalizzazione della tv, che effettuerà lo switch off nel 2015, per migliorare la situazione di un’industria che, al momento, offre un servizio insufficiente e incompleto al Paese. “Da qui la necessità – ha affermato Borbon in un incontro con il Ministro delle Comunicazioni Juan Molinar e il Presidente del Cofetel (la Commissione Federale per le Telecomunicazioni), Mony De Swaan – che si seguano le stesse scadenze fissate per la televisione”. De Swaan ha risposto che, seppure la richiesta risulti perfettamente legittima, saranno necessarie diverse analisi tecniche ed economiche, prima che possa essere presa una decisione definitiva. Data la carenza infrastrutturale, gli alti costi e il poco appoggio da parte del governo federale, le prime stime nazionali prevedevano il passaggio della radio al digitale per il 2021. Ora, con la spinta del CIRT, le cose potrebbero cambiare. Ma ci sarà bisogno di fondi ingenti. (L.B. per NL)

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - Radio digitale, Messico: il Comitato nazionale della radiotelevisione invoca lo switch off radiofonico entro il 2015

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL