Radio e Tv. Giro d’Italia: le meraviglie del Belpase in Rosa mostrate e raccontate dalla Radio e dalla Televisione

giro d'italia

Sulle strade italiane e in tv è tornato anche quest’anno il “Giro D’Italia”, giunto ormai all’edizione n. 103.
Una gara bellissima dal punto di vista sportivo, culturale e paesaggistico. Il Giro, partito dalla Sicilia, attraverserà tutta la penisola per concludersi, al completamento della ventunesima tappa, a Milano.

Giro d’Italia dal 1909

Un’edizione del Giro davvero insolita quella del 2020. Sebbene, infatti, dal 1909 la corsa ha mostrato l’Italia che dalla primavera andava verso la stagione estiva, nell’anno dell’Italia che lotta contro il Covid19, la manifestazione sportiva racconta, attraverso le telecamere della Rai, un Paese alle prese con la caduta delle rossastre foglie e inediti panorami autunnali.

giro ditalia 2 - Radio e Tv. Giro d'Italia: le meraviglie del Belpase in Rosa mostrate e raccontate dalla Radio e dalla Televisione

Ricordi memorabili

Un connubio inscindibile quello di Giro e tv che da sempre ha lasciato negli italiani ricordi memorabili grazie alla predominante forza della televisione. Con l’avvento della diretta, gli spettatori hanno potuto ammirare panorami mozzafiato e analizzare personalmente gli avvenimenti del giro grazie al compito mediatico del radiocronista.

Adriano De Zan

La voce rimasta nella storia del “Giro d’Italia” è certamente quella del telecronista Rai Adriano De Zan, che ha raccontato imprese epiche sin da quando le immagini televisive ancora non arrivano in diretta e tutto era affidato al ruolo delle parole che invece andavano dritte al cuore.

RAI sempre al Giro d’Italia tranne dal 1993 al 1997

La Rai è stato il broadcasting indiscusso del Giro, ad eccezione dell’arco temporale dal 1993 al 1997 in cui i diritti sono stati assegnati a Mediaset con il racconto della corsa rosa a cura di Davide De Zan e il “Processo alla tappa” condotto dall’indimenticato Raimondo Vianello.

giro ditalia 7 - Radio e Tv. Giro d'Italia: le meraviglie del Belpase in Rosa mostrate e raccontate dalla Radio e dalla Televisione

Viaggiare per l’Italia col Giro

Il Giro da sempre ha unito le famiglie con i mariti appassionati delle due ruote e le mogli che hanno approfittato delle trasmissioni televisive per viaggiare con gli occhi nella bell’Italia. I più fortunati poi si sono da sempre riuniti ai bordi delle strade per acclamare e incitare i loro beniamini al passaggio delle biciclette nelle proprie città.

La magia del Giro

Quella del “Giro” è davvero una magia che da sempre ha legato le diverse regioni italiane in un colorato abbraccio, con momenti che sono entrati nell’immaginario collettivo e che grazie al racconto di radio e tv hanno fatto vivere indissolubili emozioni come il passaggio di borraccia tra Coppi e Bartali e le straordinarie imprese di campioni quali Savordelli, Moser, Bugno, Gotti, Pantani, Cipollini, Chiappucci.

giro ditalia 3 - Radio e Tv. Giro d'Italia: le meraviglie del Belpase in Rosa mostrate e raccontate dalla Radio e dalla Televisione

Nuovi idoli per la carovana

Nell’ultimo decennio corridori come Contador e Nibali sono diventati i nuovi idoli della maglia rosa.
Oggi il giro è ancora una grande carovana rosa che si muove per lo stivale e il ruolo della televisione è ancora più predominante con numeri tecnici imponenti: 5 moto da ripresa, 4 moto cronaca, 2 elicotteri da ripresa, 2 aeromobili ponte, 4 telecamere nell’ultimo km., 2 super slomotion, una telecamera dedicata per il podio ed una radio camera. Circa 170 ore di trasmissione 8 ore al giorno.

Trasmissione internazionale

Un racconto temporale quotidiano da prima della partenza a dopo l’arrivo per una trasmissione internazionale offerta dalla Rai a tutti i broadcaster del mondo.
Il palinsesto Rai si apre su Rai Sport con “Villaggio di partenza” dai luoghi di inizio della corsa, proponendo una miscela di storia e cultura e le interviste ai corridori al foglio firma, a cui segue “Anteprima Giro”, che entra nella tappa della giornata.

Le fasi radiotelevisive

La fase finale di ogni tappa e poi trasmessa in diretta su Rai2. Sulla stessa rete anche lo storico “ Processo alla tappa” condotto da  con i protagonisti della tappa. “Tg Giro”, “Giro Notte”, le dirette su “Radio Rai 2” e sui social completano la programmazione multipiattaforma della Rai.

Giro d’Italia digitale

La tecnologia utilizzata per portare nelle case le immagini è sempre più digitale. Dalle pesanti telecamere Betacam portate in spalla dagli operatori in moto si è passati a telecamere praticamente ridotte “all’ottica”. Anche le riprese aeree che prima esponevano gli operatori dagli sportelloni degli elicotteri oggi sono realizzate grazie a telecamere agganciate alla parte sottostante del velivolo e manovrate da remoto.

giro ditalia 6 - Radio e Tv. Giro d'Italia: le meraviglie del Belpase in Rosa mostrate e raccontate dalla Radio e dalla Televisione

In Giro col Covid

Certamente nel 2020 la novità tecnologica più evoluta è quella realizzata nel “Processo alla tappa” con i protagonisti all’arrivo e portati direttamente nello studio mobile grazie alla potenza del cromakey nel rispetto delle norme Covid. Insomma “Il Giro D’Italia” continua a raccontare l’Italia più bella anche se fisicamente distanziata ma sempre appassionata alle imprese da maglia rosa. (C.A. per NL)

printfriendly pdf button - Radio e Tv. Giro d'Italia: le meraviglie del Belpase in Rosa mostrate e raccontate dalla Radio e dalla Televisione