Home Radio e TV Radio. Indagine TER. Il caso Radio Sportiva: cosa farebbe con una diffusione...

Radio. Indagine TER. Il caso Radio Sportiva: cosa farebbe con una diffusione di livello pari agli altri competitor?

SHARE

Palese soddisfazione. Ciò traspare immediatamente dal gruppo toscano Mediahit parlando dell’importante risultato di Radio Sportiva certificato dall’indagine sull’ascolto radiofonico TER (Tavolo Editori Radio).
“1.119.000 ascoltatori giornalieri in Italia con una ripartizione significativa in Lombardia (dove siamo 2^ con 284.000 ascolti), Toscana (2^ con 144.000), Piemonte (2^ con 134.000), Sicilia (3^ con 112.000), Calabria (3^ con 42.000), Sardegna (3^ con 42.000), Campania (8^ con 101.000), sono sicuramente la dimostrazione che il nostro prodotto piace“, ci spiega l’editore Loriano Bessi. Mediahit TER Toscana 2017 - Radio. Indagine TER. Il caso Radio Sportiva: cosa farebbe con una diffusione di livello pari agli altri competitor?Siamo tra le prime emittenti locali su base regionale con numeri e posizioni di assoluta eccellenza”, interviene Roberto Castellani dell’area commerciale di Mediahit.
E, in effetti, tenuto conto che la distribuzione del segnale FM di Radio Sportiva non è omogenea, è lecito chiedersi che risultato otterrebbe l’emittente con la capillarità elevata di altri competitor. Il valore d’ascolto relativo di Radio Sportiva è infatti impressionante, se paragonato a quello di emittenti con quasi 1000 impianti FM attivi.
Interessanti anche le performance delle altre emittenti del gruppo Mediahit, quali Radio Cuore, Radio Blu, Radio Fantastica e Gamma Radio che conducono in caso di commercializzazione a pacchetto a numeri veramente importanti. Mediahit TER Lombardia 2017 - Radio. Indagine TER. Il caso Radio Sportiva: cosa farebbe con una diffusione di livello pari agli altri competitor?

Non a caso, Radio Sportiva è risultata la stazione più corteggiata dalle concessionarie di pubblicità negli ultimi anni. Un fenomeno, del resto, che non poteva passare inosservato. (E.G. per NL)