Radio, l’ingresso di Mediaset rivoluziona Finelco. Cambiamenti radicali in vista. Ma non per il lato artistico

Si delineano i contorni dell’ingresso di Mediaset nel più importante gruppo radiofonico italiano, Finelco, che controlla le emittenti Radio 105, Virgin Radio e RMC.

Ricordiamo che il Biscione ha acquisito per 19 mln di euro il 19% delle azioni con diritto di voto, oltre al 50% senza diritti di voto, della neocostituita holding Rb1, partecipata al 31% dalla famiglia Hazan. La Rb1, a sua volta, partecipa il vettore portoghese Unibas, che controlla il 73% del capitale di Finelco (cui fanno capo le s.r.l. Radio Studio 105, RMC Italia e Virgin Radio Italy), mentre il 19,8% è di nuovo nell’orbita degli Hazan. Il tutto nella prospettiva di una successiva acquisizione delle quote di maggioranza da parte di Mediaset, Antitrust e Agcom permettendo, ovviamente. Ad ogni modo, sul piano operativo, la successione dei Berlusconi nell’impero fondato da Alberto Hazan non sarà un’operazione indolore: dai rumors raccolti dal quotidiano Italia Oggi, sembrerebbe che l’aggressiva concessionaria di pubblicità 99 Pubblicità, definita da tutti i player una macchina da guerra formidabile (nel 2015 ha registrato un +10% sul 2014), potrebbe essere smantellata con passaggio della raccolta allo spin-off di Publitalia Mediamond (che già raccoglie per la captive R 101, per Radio Italia, Kiss Kiss e le superstation Norba e Subasio), in aperto contrasto con le supposizioni all’indomani dell’operazione che suggerivano, anzi, un’integrazione dei un team altamente consolidato e specializzato. In questa prospettiva, 20 agenti di 99 Pubblicità (guidata da Marco Mordonini) dovrebbero cercarsi un altro posto di lavoro, anche se non faticherebbero a collocarsi nelle concessionarie delle altre emittenti che si stanno riorganizzando per gestire il confronto con un polo radiofonico che da solo vale quasi due terzi dell’ascolto in FM e 140 mln di euro di raccolta. Se quindi tutto cambia per il comparto commerciale, nulla muta per quello artistico, alla cui guida dovrebbe rimanere il patron Alberto Hazan, che potrebbe essere chiamato anche ad inventarsi l’idea vincente per l’ennesimo lancio di R 101 (sembra archiviata l’idea della radio sportiva, mentre è stata ufficializzata la fine dell’era Volanti). Ancora da decidere invece il futuro per il relay di programma esterno GBR (ex vettore di Voice of America). Intanto la Borsa premia l’operazione di Mediaset, assegnando un +0,88% al titolo, nella consapevolezza che le perfomance del medium radiofonico sono molto promettenti per il prossimo periodo. (M.L. per NL)
 

printfriendly pdf button - Radio, l’ingresso di Mediaset rivoluziona Finelco. Cambiamenti radicali in vista. Ma non per il lato artistico
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on telegram
Send Mail 2a1 - Radio, l’ingresso di Mediaset rivoluziona Finelco. Cambiamenti radicali in vista. Ma non per il lato artistico

Lifegate, Roveda: siamo l’opposto di una radio commerciale. Ma non siamo comunitari

IN ARRIVO