Radio. Mediamond prepara le strategie per la radio e investe sul web

Mediamond comunica le nuove strategie per la raccolta pubblicitaria radiofonica e, secondo indiscrezioni, progetta di ampliare anche il suo portfolio digitale.
Davanti ad una folta platea di investitori, sono state presentate da Mediamond le proprie strategie sul versante radiofonico. Durante l’evento (dal titolo “Video loves the radio star”), sono state esposte le nuove logiche di vendita della compagnia incentrate su pacchetti pubblicitari basati sulla fascia d’ascolto. Annunciata anche l’adesione di Radio 105 al protocollo UPA (che regola le modalità di trasmissione degli annunci pubblicitari radiofonici). I dati del mercato delle FM sono molto incoraggianti: sul versante della raccolta pubblicitaria, nel 2015 c’è stata una crescita dell’8,8% sul 2014 e dato che la galassia di emittenti controllata o commercializzata dal gruppo, fra radio e tv, arriva a coprire il 90% della popolazione italiana, c’è da supporre un ulteriore incremento. Nei giorni scorsi, abbiamo già parlato della recente acquisizione, da parte della concessionaria, della raccolta pubblicitaria di Finelco (Radio 105, RMC e Virgin Radio), società ora partecipata (in minoranza) da Mediaset, che integra quelle delle stazioni già commercializzate (R 101, di proprietà all’80% di Mediaset e per il resto di Mondadori; Radio Italia, Kiss Kiss, Radio Subasio e Radio Norba). L’offerta Mediamond, infatti, ora comprende 8 radio, canali tv gratuiti e a pagamento del gruppo Mediaset, periodici Mondadoti e portali web. Ed è proprio su quest’ultimo punto che si susseguono numerosi rumors, dopo l’annuncio della compagnia dell’intenzione di ampliare il proprio portafoglio digitale. L’accordo già siglato a dicembre 2015 con Shazam va sicuramente in quella direzione. Altre voci riferiscono di un possibile accordo con Yahoo, per la raccolta pubblicitaria del portale di video on-line Vevo. Un altro interessamento riguarderebbe Banzai, il cui ramo “media” (che comprende Pianeta Donna e Giallo Zafferano) rientra nel mirino di Mondadori. La compagnia di Segrate divide con Mediaset il controllo di Mediamond. Banzai, dal canto suo, ha dichiarato di «non avere allo stato alcuna trattativa in corso», ma di essere «sempre attenta a valutare l’interesse da parte di altri operatori di mercato». (G.C. per NL)

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - Radio. Mediamond prepara le strategie per la radio e investe sul web

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL