Radio, USA: Walt Disney cede asset radiofonici FM e AM. Target: puntare su webcasting e sat

La Walt Disney Co. ha in programma di vendere 23 stazioni radio FM e AM negli USA a fronte del passaggio di gran parte del contenuto di Radio Disney sul sat e sul web.

Radio Disney, lanciata il 18 novembre 1996 (in coincidenza con il compleanno di Topolino), ha in programma di licenziare circa 200 persone, rende noto il Los Angeles Times. Disney manterrà la sua storica stazione AM a Los Angeles (KDIS-AM 1110 KHz) che fungerà da produttore dei programmi da distribuire agli affiliati internazionali e sulla piattaforma web, in linea con la tendenza diffusa a domiciliare i prodotti tematici in digitale lasciando la diffusione analogica o comunque via etere a prodotti generalisti. "Radio Disney aumenterà i propri investimenti sul digitale per ottimizzare la crescita a lungo termine, riflettendo meglio le abitudini dei suoi ascoltatori, costituito da un pubblico nazionale di bambini e famiglie", ha riferito l’azienda in un comunicato. Posto che al momento non è stato identificato un acquirente per le stazioni, Disney sta progettando di vendere le stazioni nei principali mercati, tra cui New York, Chicago e Philadelphia. In tutto, la società intende disfarsi entro il 26/09/2014 di 22 stazioni AM e una stazione FM, lasciando invece inalterato il franchising oltreconfine. In una e-mail inviata la scorsa settimana al personale, il d.g. Phil Guerini ha spiegato che i cambiamenti comporteranno “l’eliminazione di alcune posizioni, rettifiche di altri ruoli e l’aggiunta di alcune nuove posizioni." "Abbiamo affrontato questa decisione con cura e rigore e forniremo sostegno transitorio a coloro che lasceranno l’organizzazione", ha detto. I partner di distribuzione digitale e satellitare Radio Disney includono Sirius/XM, Aha Radio e ShowMobile, mentre i contenuti radio sono già accessibili attraversoun’applicazione captive per i dispositivi Android e iOS. (E.G. per NL)
 
printfriendly pdf button - Radio, USA: Walt Disney cede asset radiofonici FM e AM. Target: puntare su webcasting e sat