RAI, Codacons e Adusbef: “Ecco l’ennesimo esempio di disinformazione da querela”

Scrive l’associazione di consumatori Codacons in un proprio comunicato stampa: "Un vergognoso esempio di disinformazione da querela, quello trasmesso da Radio Rai1, all’interno della trasmissione del mattino "Ultime da Babele’, e che purtroppo avrà strascichi in tribunale". La puntata di martedì 5 maggio del programma radiofonico – spiegano Adusbef e Codacons – era dedicata ai privilegi; ospite Aldo Forbice, che proprio di recente sull’argomento ha pubblicato un libro. La discussione viene subito portata dal conduttore della trasmissione, Giorgio Dell’Arti, sui privilegi delle associazioni dei consumatori, in particolare del Codacons. Prosegue poi il comnunicato "E a notizie veritiere, anche se fornite in modo distorto – come quella secondo cui le associazioni per i consumatori ricevono finanziamenti statali – vengono accostate notizie false, tese a screditare immotivatamente l’Adusbef, il Codacons e il suo Presidente Carlo Rienzi, fornendo così una informazione sballata ai radioascoltatori. Il messaggio che è stato lanciato da "Ultime da Babele’, infatti, è che Carlo Rienzi – (e assieme a lui altre associazioni come Adusbef) – "prende i soldi dallo Stato’ per andare "in televisione a urlare’, peraltro "pagato dalle reti tv’, mentre i bilanci delle associazioni "sono opachi’ e non vengono "pagate le tasse’. Affermazioni palesemente false e che, documenti alla mano, possono essere smentite, e che costringono Adusbef e Codacons a presentare formale querela nei confronti di Giorgio Dell’Arti e Aldo Forbice, a tutela dell’immagine delle due associazioni, dei loro presidenti, e dei numerosi cittadini iscritti".
printfriendly pdf button - RAI, Codacons e Adusbef: “Ecco l’ennesimo esempio di disinformazione da querela”
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on telegram
Send Mail 2a1 - RAI, Codacons e Adusbef: “Ecco l’ennesimo esempio di disinformazione da querela”

Lifegate, Roveda: siamo l’opposto di una radio commerciale. Ma non siamo comunitari

IN ARRIVO