RAI: Romani, DTT Sardegna vigilia di una rivoluzione

”Siamo di fronte a una vera e propria rivoluzione che cambiera’ profondamente l’offerta televisiva con un sistema tra i piu’ avanzati in Europa, visto che l’Italia e’ il primo paese a digitalizzare un’ intera regione”


(ASCA) – Roma, 14 ott – ”Siamo di fronte a una vera e propria rivoluzione che cambiera’ profondamente l’offerta televisiva con un sistema tra i piu’ avanzati in Europa, visto che l’Italia e’ il primo paese a digitalizzare un’ intera regione”. Lo afferma il sottosegretario alle Comunicazioni Paolo Romani, commentando l’avvio, domani, dell’era digital in Sardegna.
”La televisione italiana – osserva Romani -, dopo una sorta di guerra dei trent’anni sul livello di pluralismo e del numero dei soggetti operanti, intraprende una nuova strada che mettera’, sul piano del numero delle offerte e della loro capacita’ di vincere dal punto di vista dell’utilizzo e del gradimento da parte degli utenti, la propria cifra distintiva. E la decisione del governo di anticipare le fasi di digitalizzazione del paese, con un programma che portera’ alla fine del 2010 nelle case del 70% degli italiani la nuova tecnologia, e’ la conseguenza di tale scelta”.
”Una risposta reale e fattiva – continua il sottosegretario – a tutti coloro che, in buona fede o non, hanno ritenuto o ritengono il digitale terrestre un mero pretesto per la prosecuzione dell’esistente. Basta ricordare che solo attraverso tale innovazione e’ stato ed e’ possibile che tre nuovi operatori nazionali (H3G, il gruppo Tarak Ben Ammar o il gruppo l’Espresso) siano potuti diventare nuovi protagonisti a pieno titolo di tale offerta a dimostrazione che siamo di fronte ad un sistema aperto per tutti coloro che sono disponibili ad investire effettivamente e ad entrare nel mondo televisivo. Ed a questi se ne aggiungeranno molto presto altri, anche come fornitori di contenuti in base alla norma che prevede la cessione del 40% della capacita’ trasmissiva da parte degli operatori nazionali a soggetti terzi, per rendere piu’ ricca e competitiva l’offerta verso i telespettatori”.
”In questi giorni, dunque, sta prendendo corpo la via italiana al digitale terrestre che, e’ bene ricordare, non e’ solo caratterizzata dalla moltiplicazione delle offerte e dei canali (per quattro o cinque rispetto a quelli attuali) ma – afferma Romani – anche da nuovi contenuti (l’accesso a contenuti di pregio), da una nuova qualita’ di visione (l’alta definizione gratuita per tutti), da nuove modalita’ di fruizione (la televisione in mobilita’), da nuovi servizi e opportunita’ (la navigazione in televisione)”.
”Da domani la tv sara’ un mezzo diverso da quello che siamo abituati a conoscere in linea – conclude il sottosegretario – con l’evoluzione dei consumi culturali in atto soprattutto delle fasce piu’ giovani”.

red-val/mcc/bra

Send Mail 2a1 - RAI: Romani, DTT Sardegna vigilia di una rivoluzione

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL