Reporter senza frontiere denuncia la “codardia” di certi Stati occidentali e di grandi istituzioni internazionali in materia di difesa della libertà di espressione

L’Onu ha capitolato di fronte a Paesi come Iran e Ubzekistan


da Franco Abruzzo.it

Parigi, 12 febbraio 2008. Reporter senza frontiere denuncia oggi, nel suo rapporto annuale, la “codardia” di certi stati occidentali e di grandi istituzioni internazionali in materia di difesa della libertà di espressione. L’organizzazione per la libertà di stampa e dei giornalisti “punta il dito – si legge nell’introduzione al rapporto, disponibile sul sito www.rsf.org – contro la falsità delle Nazioni Unite il cui Consiglio dei diritti umani, a Ginevra, ha capitolato di fronte a paesi come Iran e Ubzekistan”. In causa anche l’Unione Europea, “impotente di fronte ai tiranni che non battono ciglia alle minacce di sanzioni”. Per Rsf il 2007 è stato un anno violento per i professionisti dei media, con 86 giornalisti uccisi in tutto il mondo, ma il 2008 potrebbe essere ancora peggio. Preoccupazioni per i giornalisti in vista di certe scadenza elettorali: in Pakistan (18 febbraio), in Russia (2 marzo), in Iran (14 marzo) e in Zimbabwe (29 marzo). E per i reporter che lavorano nei conflitti in corso, in particolare in Sri Lanka, in Somali,a nel Niger, in Ciad o ancora nei territori palestinesi e in Irak, naturalmente, “un paese che continua a sepellire i suoi giornalisti ogni settimana o quasi”. Rsf denuncia la situazione di “instabilità cronica” del Medio Oriente e condanna l’Iran in quanto “più grande prigione” per i giornalisti in questa regione del mondo. Ritorna sulla “censura” in Cina che colpisce i nuovi mezzi di comunicazione ed Internet. Qualche parola preoccupata anche per l’Unione europea dove, secondo Rsf, si assiste ad “un’evoluzione inquietante”: “gli attentati alla protezione delle fonti si sono moltiplicati nelle grandi democrazie”, si legge sul rapporto. In particolare si sono osservate “in Francia, Germania ed Italia, arresti e perquisizioni di redazioni o domicili di giornalisti”. Intimidazioni e violenze fisiche sono registrate in Bulgaria ed in Italia. Questa situazione, secondo Rsf, “rende necessaria una legislazione europea che protegga efficacemente il principio fondamentale della libertà di stampa”. (ANSA)

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on telegram
Send Mail 2a1 - Reporter senza frontiere denuncia la "codardia" di certi Stati occidentali e di grandi istituzioni internazionali in materia di difesa della libertà di espressione

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL