Responsabilità civile – La diffamazione a mezzo stampa può dipendere anche dalla forma in cui viene pubblicato l’articolo riferito ad un fatto di cronaca

Cassazione civile Sentenza, Sez. III, 16/05/2007, n. 11259


di Aldo Carrato, Magistrato presso l’Ufficio del Massimario della Corte di Cassazione
da Il Quotidiano Giuridico – Quotidiano di informazione e approfondimento giuridico N 21/06/anno 2006
Con l’importante sentenza n. 11259 del 2007 la terza sezione della Corte di cassazione ritorna sulla ricorrente tematica della individuazione dei presupposti e dei limiti per la risarcibilità del danno riconducibile alla possibile diffamazione a mezzo stampa, sottolineando come, ai fini della legittimità dell’esercizio del diritto di cronaca, non basta la verità oggettiva o putativa della notizia pubblicata, ma occorre che l’autore dell’articolo osservi anche una forma e un modo di porsi che non facciano assumere allo stesso un’autonoma attitudine lesiva del decoro e della dignità della persona interessata.
(Cassazione civile Sentenza, Sez. III, 16/05/2007, n. 11259)

printfriendly pdf button - Responsabilità civile - La diffamazione a mezzo stampa può dipendere anche dalla forma in cui viene pubblicato l'articolo riferito ad un fatto di cronaca
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on telegram
Send Mail 2a1 - Responsabilità civile - La diffamazione a mezzo stampa può dipendere anche dalla forma in cui viene pubblicato l'articolo riferito ad un fatto di cronaca

Non perdere le novità dei settori radiotelevisivo, editoriale e delle telecomunicazioni

Gratis la newsletter di NL