Riforma forense. Unione giovani avvocati italiani: “Controriforma a danni della base della classe forense va avanti in Parlamento. Pronti a scendere in piazza”

"Se non verrà soppresso interamente l’incostituzionale art.20 sulla continuità professionale (gli emendamenti non ci interessano), scenderemo in piazza.

Attendiamo la votazione sull’art. 20.Qualora dovesse essere mantenuto l’articolo, seppure in qualunque modo emendato, decideremo immediatamente la data ufficiale della manifestazione a Roma". Inizia così il comunicato odierno dell’Unione giovani avvocati italiani. "Il gruppo su facebook per la soppressione dell’art. 20 sulla continuità professionale si appresta a raggiungere in poco tempo i 5.000 avvocati iscritti (moltissimi anche gli avvocati anche con più di 10,15 anni di anzianità professionale). Se neppure la manifestazione dovesse bastare siamo pronti successivamente persino a prendere in considerazione la possibilità di autocancellarci collettivamente dalle liste delle difese d’ufficio così da bloccare l’intero sistema giudiziario". "Invitiamo tutti i colleghi alla mobilitazione", chiude la nota.
printfriendly pdf button - Riforma forense. Unione giovani avvocati italiani: "Controriforma a danni della base della classe forense va avanti in Parlamento. Pronti a scendere in piazza"
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on telegram
Send Mail 2a1 - Riforma forense. Unione giovani avvocati italiani: "Controriforma a danni della base della classe forense va avanti in Parlamento. Pronti a scendere in piazza"

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL