Riforma professione forense: Governo (con Alfano in testa) martellato senza tregua da una inconsueta coalizione di no

"La riforma della professione forense, che ha raccolto i pieni elogi del ministro della Giustizia, l’onorevole avvocato Angiolino Alfano, e’ a nostro avviso simbolo di degrado civile, sociale ed economico".

Ci scrive – ultima in ordine di tempo, ma non per questo meno degna di attenzione – l’associazione di consumatori Aduc, associandosi all’incredibile coro di no che da giorni sta martellando senza sosta la proposta di riforma forense e che ha avuto il rarissimo pregio di determinare un’inconsueta alleanza tra soggetti tra loro profondamente eterogenei. Una linea trasversale di contestazione veramente inconsueta (in quanto alleanza di fatto tra soggetti che di norma sono contrapposti), che sta travolgendo il povero ministro Alfano (foto), che ha avuto la malaugurata idea di elogiare una bozza di riforma che, in effetti, avrebbe dovuto essere letta con più attenzione. alfano%20angelino - Riforma professione forense: Governo (con Alfano in testa) martellato senza tregua da una inconsueta coalizione di noSecondo Aduc, "Sono diversi gli aspetti che meritano di essere stigmatizzati e nei prossimi giorni li concretizzeremo nella proposta di alcuni emendamenti che faremo presentare in Senato. Oggi ci preme sottolineare un aspetto: l’obbligo della presenza di un avvocato nelle procedure di conciliazione. Modifica fortemente sostenuta dall’ordine degli avvocati e che ieri ha visto le critiche da parte dell’Autorita’ garante nelle Comunicazioni (Agcom) perche’ violerebbe alcuni fondamenti comunitari per l’accesso alla giustizia conciliativa. Noi crediamo che gli ordini professionali – tutti- siano la tomba del diritto, del lavoro e dei servizi: corporazioni messe in piedi per elargire privilegi ai membri in accordo coi vari poteri dello Stato e dell’amministrazione, facendoli pagare agli utenti – obbligati – di quei servizi. L’ordine degli avvocati non e’ da meno e, insieme a quello dei giornalisti, e’ la punta di un iceberg". Continuano i consumatori, precisando le proprie critiche al progetto di legge da giorni al centro di un bombardamento senza tregua: "Rendere obbligatorio l’uso dell’avvocato nei procedimenti di conciliazione e’ un triplo danno per il cittadino utente e consumatore: – far costare di piu’ il ricorso alla giustizia per piccole questioni (si pensi alla telefonia, al condominio, al commercio, etc) con, tra l’altro, avvocati che dovrebbero rispettare i minimi tariffari imposti per legge e corporazione; – allontanare i cittadini dal ricorso alla giustizia e favorire quindi le piccole, diffuse e frequenti truffe da parte dei gestori di servizi (telefonia soprattutto); – sopprimere di fatto la molteplicita’ di servizi di consulenza e assistenza che associazioni e sindacati hanno messo in piedi in questi anni per meglio rendere consapevoli i cittadini dei loro diritti e, di conseguenza, stimolare il legislatore ad intervenire dove necessario". "Nel giorno in cui anche il presidente dell’Antitrust, Antonio Catricala’, critica questa riforma della professione come debilitante del mercato e della concorrenza, l’ordine degli avvocati e il ministro Alfano sembra che dicano la giustizia e’ cosa nostra! e non del cittadino", conclude la nota ADUC.
printfriendly pdf button - Riforma professione forense: Governo (con Alfano in testa) martellato senza tregua da una inconsueta coalizione di no