Russia, Pay tv e canali stranieri a rischio ‘oscuramento’

Il rublo vale meno, e tra le conseguenze per i russi c’è anche il rischio di vedere ‘oscurati’ i canali Tv stranieri a pagamento


(Apcom) – Gli operatori via cavo hanno chiesto ai fornitori esteri sconti sul pagamento (in dollari) dei contenuti, paventando enormi perdite – per la valuta troppo debole – e quindi la forzata interruzione della radiodiffusione.
Per prima ha apertamente espresso preoccupazioni la società “Akado”, controllata da “Renova” del magnate Viktor Vekselberg: la compagnia sarebbe pronta a fermare la diffusione di alcuni canali del gruppo Discovery, a meno di nuove condizioni di pagamento da parte di Media Broadcasting Group (MBG).
Negoziati analoghi riguardano operatori come “Telecomunicazioni nazionali”, “ER-Telecom” e “Stream”, che offrono via cavo 160 canali ai russi, in particolare, Eurosport, National Geographic, World Music Channel, Fashion TV, BBC World, CNN International, Blue Hustler e molti altri.
Secondo stime preliminari di IKS-Consulting, nel 2008 in Russia, ci sono stati 17,5 milioni di abbonati della pay-TV. Il mercato valeva 960 milioni di dollari.

printfriendly pdf button - Russia, Pay tv e canali stranieri a rischio 'oscuramento'
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on telegram
Send Mail 2a1 - Russia, Pay tv e canali stranieri a rischio 'oscuramento'

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL