Storia della Radiotelevisione italiana. 1974, Radio Luino International: dalla costa del Lago Maggiore fino in Svizzera

Radio Luino International Fm 102.100 MHz sembra nascere (la datazione è controversa) nel corso della primavera del 1974 in via Manzoni 30 a Luino, con un bacino di utenza che comprende una parte della provincia di Varese, la Svizzera sino a Lugano e diversi comuni della regione geografica Malcantone del Canton Ticino  e naturalmente la prospicente sponda piemontese del Lago Maggiore, raggiungendo Locarno e qualche paese elvetico limitrofo.

E’ una delle prime radio libere (se la data di avvio delle trasmissioni fosse confermata, la sua apertura sarebbe di poco successiva a quella di Radio Sacro Monte di Varese, l’attuale Otto FM 103,4 MHz), molto seguita sul Lago Maggiore, dove Luca Guido Longino trasmette un programma dal titolo "Freedom at pointzero". Radio%20Luino - Storia della Radiotelevisione italiana. 1974, Radio Luino International: dalla costa del Lago Maggiore fino in SvizzeraCon lui ci sono i "dj radiofonici" Roberto Bergamaschi, Tony Bellezza, Ralf, Vit, Marco Carassini, Loredana Amadio, Sergio Esposito, Sandro Ferrario, Zio Tom, Patrizia Lorquando, Daniele Alborghetti e Guya. L’emittente è naif e per questo sembra piacere più delle altre. Emblema della sua originalità, alla fine degli anni ’70, è la presenza tra i collaboratori del giovane dj Luca, che veste con reggicalze e camiciole di seta, manda a tutto spiano "Sì viaggiare" di Lucio Battisti e – si dice – si incontra con i più maturi corteggiatori. E l’apoteosi dell’emittente, che comunque comincia a sentire il fiato sul collo della concorrenza, in primis quella di Radio Stereo 4 (100,5 MHz e 100,6 MHz), più performante sul piano tecnico. Degna di nota, negli anni 88/89, è la tarsmissione in diretta di Antonella Modaffari Bartoli, che presenta alcune delle più importanti scrittrici, poetesse e pittrici dal Quattrocento al Novecento e risponde alle domande in diretta. Ma il timer dell’esistenza della stazione è quasi alla fine del suo ciclo: RLI chiude i battenti alle porte del 1990, cedendo l’impianto di Monte Borgna (nel frattempo risintonizzato a 102,0 MHz per meglio convivere con Radio Vergante 102 di Massino Visconti, attiva su 102,2 MHz) al network romano RDS. (R.R. per NL)
printfriendly pdf button - Storia della Radiotelevisione italiana. 1974, Radio Luino International: dalla costa del Lago Maggiore fino in Svizzera