Storia della radiotelevisione italiana. I tanti figli di Radio Jurassico: questa è la volta di Alessandria

Su internet fioccano i siti dedicati all’amarcord della radiofonia italiana. Il focus questa volta è sul Piemonte. Il primo indubbiamente è stato Radio Jurassico (domiciliato sul portale www.daxmedia.net), tuttora attivo e sempre in procinto di implementazione non appena il curatore (l’amico giornalista, doppiatore e ormai noto attore televisivo Dario Dossena) rinviene il tempo necessario per assemblare i numerosi contributi che pervengono da ogni dove.

Dopo RJ, iniziative affini ne sono sorte a decine negli anni: spesso si è trattato di esperimenti dalla vita effimera, come del resto le radio di cui raccontavano le gesta. Qualche portale si è invece strutturato con un intento di raccolta nazionale, come www.storiaradiotv.it, che pur in una grafica amatoriale vanta il pregio di aver già raccolto, grazie alla tenacia del fondatore, il milanese Massimo Emanuelli, una sterminata marea di informazioni (alcune, invero, imprecise, ma la quantità la giustifica…); la maggioranza dei siti, tuttavia, è fortemente legata al territorio di appartenenza degli autori ed ai relativi ricordi. E’ il caso del blog “Radio Alessandria”, che da qualche tempo sta riunendo informazioni sull’etere della provincia piemontese degli anni ’70, pubblicando foto inedite. Sono iniziative, queste, importanti, in quanto consentono di tramandare attraverso Internet dati e ricordi che altrimenti rischierebbero di andare persi, dimenticati nelle cantine o nei solai dei fondatori o dei frequentatori delle mitiche radio locali che segnarono il decennio 1975/1985. (M.L. per NL)
printfriendly pdf button - Storia della radiotelevisione italiana. I tanti figli di Radio Jurassico: questa è la volta di Alessandria