Storia della Radiotelevisione italiana. Radio Belluno Libera, una storia del 1977

Tra le molteplici emittenti radiofoniche nate e chiuse nel giro di pochi mesi, in questa puntata della rubrica Storia della Radiotelevisione Italiana – operando contrariamente alla tendenza di dare spazio ad esperienze blasonate – focalizziamo l’attenzione su una misconosciuta stazione veneta.

La storia è tratta da un video-racconto, di Marco Papes e Zenone Sovilla, che  si concreta in un’intervista al fondatore della radio, Cristiano Olivotto, il quale racconta la breve stagione dell’inverno 1977 in cui un gruppo di giovani fondò l’emittente libera a Belluno. Erano ragazzi variamente impegnati in attività politica nella sinistra extraparlamentare e nel movimento anarchico. L’esperienza della radio in modulazione di frequenza durò poco più di una stagione: le trasmissioni si spensero mentre sfumava l’onda giovanile della protesta degli anni Settanta. Radio Tele Belluno Libera nasce nel febbraio 1977 da un gruppo da simpatizzanti di Lotta Continua, Fronte Unito e del Movimento anarchico (Indiani Metropolitani) guidati da Olivotto. Come la più famosa e certamente ispiratrice Radio Alice di Bologna, la stazione veneta è destrutturata, impostata su schemi di rottura, asponsorizzata e volutamente irregolare (in segno di protesta) anche in tema di corresponsione dei diritti d’autore.  Nella sua anarchia artistico-informativa, propone interessanti trasmissioni di politica d’assalto, come il programma antimilitare “Polvere di stellette”, il resoconto mattutino delle notizie dei quotidiani lette da Bruno Migliolli e Marco Vecchitti ed irradia contenuti autogestiti da gruppi femministi. Ci collaborano una ventina di persone, prevalentemente ragazzi variamente impegnati in attività politiche. La radio trasmette sui 101 MHz (con il classico trasmettitore residuato bellico modificato) realizzando numerose dirette (specialmente resoconti di scontri di piazza), spesso collegandosi a Radio Sherwood di Padova (altra emittente dalla medesima ispirazione politica), emittente decisamente più longeva (ha chiuso le trasmissioni in FM nel maggio di quest’anno, continuandole però sul web). L’avventura è però fugace e le trasmissioni si spengono all’inizio dell’estate dell’anno della fondazione, nel giugno 1977. Pressoché sconosciuta ai più, RTBL vive ora sul web attraverso il racconto su You Tube del suo fondatore: Radio Belluno Libera. Una storia del 1977. (R.R. per NL)

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - Storia della Radiotelevisione italiana. Radio Belluno Libera, una storia del 1977

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL