Svizzera: oltre 120 pareri sul disegno di nuova ordinanza sulla radiotelevisione

Durante l’indagine conoscitiva relativa al disegno di nuova ordinanza sulla radiotelevisione (ORTV), l’Ufficio federale delle comunicazioni ha ricevuto entro il termine fissato oltre 120 pareri, che da oggi sono pubblicati su Internet.


da www.bakom.admin.ch

Il disegno di ORTV contiene le previste disposizioni d’esecuzione della nuova legge sulla radiotelevisione (LRTV), approvata dalle Camere federali lo scorso mese di marzo. Durante l’indagine conoscitiva (dal 9 giugno al 18 agosto), gli ambienti interessati hanno potuto esprimersi sul nuovo testo di ordinanza.

Tra i punti salienti del disegno elaborato dal Dipartimento federale dell’ambiente, dei trasporti, dell’energia e delle comunicazioni (DATEC) vi sono le disposizioni d’esecuzione concernenti pubblicità e sponsorizzazione (che hanno sollevato il maggior numero di commenti da parte dei partecipanti), rilascio di concessioni alle emittenti private (soprattutto ripartizione dei proventi del canone) e trasmissione dei programmi dal punto di vista tecnico.

Si stanno attualmente valutando i pareri ricevuti. In base all’esito della consultazione, il DATEC rielaborerà nuovamente il disegno di ORTV. Si prevede che il nuovo testo entrerà in vigore contemporaneamente alla nuova LRTV nella primavera del 2007.

Nel disegno di ordinanza non sono ancora state determinate né le zone di copertura delle emittenti radiotelevisive locali e regionali con diritto a una quota del canone, né l’importo di tale quota. Probabilmente il DATEC indirà un’indagine conoscitiva il prossimo mese di ottobre, durante la quale presenterà le proposte per le nuove zone di copertura con quota del canone. Si prevede che le zone di copertura saranno approvate dal Consiglio federale nella seconda metà del 2007 e, in seguito, saranno messe a concorso. L’importo della quota del canone per zona di copertura sarà reso noto al momento della pubblica gara.

printfriendly pdf button - Svizzera: oltre 120 pareri sul disegno di nuova ordinanza sulla radiotelevisione