Tv digitale/Gentiloni: ci sarà “dividendo” di frequenze

Il passagio alla tv digitale dovrà avere come conseguenza un dividendo digitale, una redistribuzione di frequenze, perchè questo è uno degli obiettivi principali del passaggio tecnologico e non potrà essere disatteso


Per il ministro delle Comunicazioni, Paolo Gentiloni (foto), non ci sono dubbi che “il passagio alla tv digitale dovrà avere come conseguenza un dividendo digitale, una redistribuzione di frequenze, perchè questo è uno degli obiettivi principali del passaggio tecnologico e non potrà essere disatteso”. Il ministro risponde così a Mediaset che nel primo switch off dell’analogico, quello che ha coinvolto a partire dal primo marzo la provincia di Cagliari per quanto riguarda Raidue e Rete4, ha visto il gruppo Mediaset utilizzare le frequenze liberate nel passaggio al digitale per avviare una sperimentazione sull’Alta definizione televisiva, senza lasciare disponibilità di frequenze ad altri operatori.

“Capisco che ci sia la tentazione da parte dei brodcaster – ha sottolinea Gentiloni durante un convegno sul digitale organizzato dall’ Università di Roma Tre – di ‘redistribuire’ in casa le frequenze liberate da utilizzare magari per altre tecnologie o per l’Alta definizione, ma si sappia che esistono strumenti e interventi legislativi e regolatori tali per far si che l’obiettivo del dividendo digitale sia raggiunto come previsto”.

Il ministro ha assicurato che “non ci sono dubbi o incertezze sui tempi e sui principi dell passaggio al digitale”.
Spetterà al Comitato Italia Digitale – nel quale siedono gli operatori del sistema tv, il ministero stesso e l’Autorità per le garanzie nelle Comunicazioni – “elaborare progetti di redistribuzione delle frequenze nelle aree ‘all digital’ che via via, dopo la Sardegna, si andranno creando. Tali progetti – ha spiegato Gentiloni – saranno proposti all’Agcom per un via libera piu’ formale. Chiaramente, perchè l’obiettivo venga raggiunto è necessario un clima di cooperazione tra i diversi operatori”.

Niente ‘imposizioni dall’alto’, dunque, anche perchè , ha concluso il ministro, “è impensabile che ci sia qualcuno veramente convinto che la redistribuzione delle frequenze possa avere somma zero. ,Forse le frequenze liberate saranno meno di quelle che ci aspettavamo, ma ci saranno”.

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - Tv digitale/Gentiloni: ci sarà "dividendo" di frequenze

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL