Tv. Germania, provvedimento anti-evasione: chiunque possegga un’abitazione dovrà pagare il canone televisivo

Che cosa non si fa in tempo di crisi. Noi italiani non facciamo altro che lamentarci di tasse e burocrazia ma, in alcuni casi, c’è chi sta peggio di noi.

È il caso della Germania, dove è stato trovato un accordo tra i sedici governatori dei lander per risolvere la piaga dell’evasione del canone televisivo, che in terra tedesca colpisce circa 3 milioni di contribuenti. Il provvedimento, che ha incontrato un assenso unanime, è però a dir poco restrittivo: dal 2013, infatti, chiunque in Germania sia in possesso di un’abitazione e costituisca un nucleo familiare, sia pure un single, sarà tenuto al pagamento del canone previsto per la televisione pubblica e che comprende le due reti nazionali, Ard e Zdf, e la radio federale Deutschlandfunk. Non vi saranno categorie esentate, nemmeno i disoccupati che, sino a oggi, godevano della gratuità del servizio: per loro, però, si è iniziato a parlare della possibilità di un rimborso da parte dello Stato, ma non v’è ancora nulla di deciso.  Tale provvedimento sottintende che chiunque, sia pure in un angolo recondito della propria abitazione, possegga un apparecchio televisivo o uno radiofonico. Chi, però, per scelta o per necessità, non lo possiede, sarà ugualmente obbligato al versamento del contributo annuo che, tra l’altro, è ben più oneroso di quello italiano: 215,76 euro. Inoltre, anche chi fino a ora godeva di sconti particolari, vedrà la propria situazione di privilegio mutare rapidamente. È il caso, ad esempio, dei proprietari di hotel che adesso pagano un contributo mensile di 5,52 euro totali (a fronte dei 17 euro dei normali contribuenti) ma che dal 2013 si troveranno a dover pagare 6 euro per ogni stanza dell’albergo. Vale la pena, poi, ricordare che già dal 2006, in Germania, possessori di telefonini e pc con accesso a internet erano già tenuti, anche in assenza di apparecchio televisivo, a pagare i normali contributi. In questo modo il governo tedesco calcola di poter incassare annualmente dagli 8 ai 10 miliardi di euro, da aggiungere ai 450 milioni di introiti pubblicitari cui i sedici governatori dei lander hanno lasciato intendere di non voler rinunciare. (L.B. per NL)

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - Tv. Germania, provvedimento anti-evasione: chiunque possegga un'abitazione dovrà pagare il canone televisivo

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL