Tv locali: 12 milioni in arrivo per gli spot per il DTT. Ma già si litiga sulla ripartizione del 50% dello stanziamento

Dopo la mazzata della soppressione delle provvidenze per l’editoria, mentre le radio continuano a piangere, per le tv locali, già destinatarie di un contentino (più che altro dal sapore elettorale), costituito da un minimo aumento dei fondi ex l. 448/1998, arriva qualche altro obolo.

Niente di eclatante, né di inatteso, invero: si tratta dei 12 milioni di euro che il Ministero dello Sviluppo Economico ha stanziato (da tempo) per promuovere il passaggio al digitale terrestre attraverso una campagna di comunicazione a mezzo di spot trasmessi direttamente dalle tv locali interessate dalla migrazione tecnologica. La trasmissione dei messaggi potrebbe avere luogo già dal 10 aprile prossimo a partire dall’area tecnica 3, costituita dal Piemonte orientale (alle cui emittenti è attribuito uno stanziamento di circa 1,1 mln di euro) e dalla Lombardia (fondi per 3,7 mln), cui seguirà l’Emilia Romagna (2,2 mln) e via via le regioni di successiva digitalizzazione, con singoli riparti però ancora da definire. Le modalità di attribuzione degli stanziamenti per emittente saranno quelle già definite in occasione dei precedenti switch-off: il 50% delle risorse verrà assegnato proporzionalmente al punteggio conseguito nella più recente graduatoria Corecom ex L. 448/1998 nella regione di appartenza, mentre per la metà residuale la determinazione avverrà sulla base della copertura del segnale (regionale, pluriprovinciale, provinciale, subprovinciale). Soluzione, questa ultima, che, pur non essendo inattesa, sta già determinando profondi malumori tra gli editori per via del mancato aggiornamento del database impiantistico istituzionale, sollecitato pesantemente dal fortissimo trend di compravendita di diffusori che ha interessato le regioni del nord Italia negli ultimi mesi, mutando, in alcuni casi anche profondamente, il quadro radioelettrico. Scontati, quindi, i soliti ricorsi al TAR, soprattutto da parte delle emittenti che, a fronte di significativi investimenti, sono cresciute da una dimensione subprovinciale o provinciale ad un livello pluriprovinciale o addirittura regionale. (A.M. per NL)
 

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - Tv locali: 12 milioni in arrivo per gli spot per il DTT. Ma già si litiga sulla ripartizione del 50% dello stanziamento

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL