Tv locali. Sardegna: le emittenti della provincia di Sassari e la loro complicata situazione in tempi di Coronavirus

Sassari

Abbiamo fatto un breve giro tra le emittenti della provincia di Sassari, quella più colpita dal Coronavirus in Sardegna, per sentire come gli editori televisivi di questa parte dell’isola stanno affrontando questa ‘emergenza informativa’.
Abbiamo interpellato quattro emittenti (o meglio due, più un gruppo con due emittenti) e va detto, per completezza di informazione, che al nostro giro ricognitivo in provincia di Sassari (zona che questo periodico segue con attenzione) mancano all’appello le seguenti Tv: Isola Tv e Telesassari per la città turritana, Catalan Tv per Alghero, RTG Radio Tele Gallura per Tempio Pausania, Terranova Tv Sardegna e Gallura Channel per Olbia.

I nostri tre interlocutori

La nostra chiacchierata a Sassari e provincia è invece iniziata con l’editrice di Canale 12 di Sassari Sandra Sanna; abbiano poi proseguito con il ragionier Giovanni Francesco Angius di Telegi e Libera Tv all news, ancora di Sassari. Infine, abbiamo sentito Francesco Cassitta per Olbia Tv.
Ecco, nell’ordine, le interviste preannunciate fra le Tv di Sassari e provincia.

La parola a Sandra Sanna (Canale 12)

(Newslinet) – Sandra Sanna, come è cambiato il modo di lavorare a Canale 12 in tempo di Coronavirus?
(Sandra Sanna) – Abbiamo attuato la cassa integrazione a scacchiera, per cui abbiamo a casa due tecnici e un giornalista.
(NL) – Dunque, in quante unità state affrontando questo periodo di emergenza a Sassari?
(SS) – Siamo in 3, io (Sandra Sanna), che sono editrice, direttrice ed amministratrice, 1 tecnico e 1 giornalista.

(NL) – Oltre al ch. 44 (Lcn 12) in Dtt, state utilizzando altre piattaforme?
(SS) – Utilizziamo tutte le piattaforme, da You Tube ai social con Instagram e Facebook, e poi il nostro sito www.canale12.it. Siamo sempre in diretta ogni giorno, cerchiamo di informare al meglio i nostri concittadini, anche lavorando senza sosta e gratuitamente.

Giovanni Francesco Angius (Telegi)

(Newslinet) – Ragionier Angius, come state affrontando questo momento di crisi dovuto al diffondersi dell’epidemia di Coronavirus? È cambiato qualcosa per la sua azienda di Sassari?
(Giovanni Francesco Angius) – No! Nel senso che continuiamo a lavorare, seppur più duramente di prima, ma non è cambiato nulla. In sostanza, non ho messo nessun dipendente in cassa integrazione, né tanto meno ho licenziato qualcuno.

(NL) – Dunque a Sassari state lavorando con tutti gli effettivi per entrambe le emittenti?
(GFA) – Sì! Tutti e 7 i dipendenti sono al loro posto, con le dovute precauzioni del caso, ovviamente, ma sì! In azienda si lavora tutti uniti per cercare di tenere informati i nostri cittadini, sia con l’ammiraglia Telegì che con la sua sorellina minore Libera Tv all news.
(NL) – Si è fatto un’idea di cosa può essere il dopo emergenza? La sua opinione?
(GFA) – Naturalmente è un periodo in cui bisogna essere un po’ prudenti, soprattutto nell’amministrazione aziendale e nel gestire bene le risorse. Per il resto anche questa sciagura prima o poi passerà e allora faremo i conti, ci guarderemo intorno e valuteremo il da farsi. Per il momento, pensiamo a lavorare sodo…

Francesco Cassitta (Olbia Tv)

(Newslinet) – Dopo Sassari, eccoci a Olbia. Come state affrontando questa emergenza Coronavirus?
(Francesco Cassitta) – Sto continuando a lavorare, anche se vi confesso che sono fortemente amareggiato…
(NL) – Il motivo di questo sconforto?
(FC) – È presto detto! Sono stanco. Non sto facendo nulla di nuovo, se non qualche contributo informativo, anche se i miei canali trasmissivi sono tutti accesi, ma, va detto, con varie repliche dei programmi.

(NL) – Cosa conta di fare, dunque, nel dopo emergenza?
(FC) – Dovrei riuscire a passare la mano a nuove forze, i contatti ci sono già stati, si tratta di definire i dettagli dopo che questa emergenza sarà passata.
(NL) – Quindi, ci sta annunciando che dopo 42 anni nell’etere della provincia di Sassari ha deciso di abbandonare il campo?
(FC) – Cosa volete che vi dica? Il tempo passa, l’età avanza e la salute è quella che è. Dunque, se riesco perlomeno a cedere in affitto l’azienda, mi farò da parte. Almeno così mi potrò dedicare al mio secondo amore dopo la Tv, la fisarmonica, che già ho ripreso in mano… (P. e G. P. per NL)

printfriendly pdf button - Tv locali. Sardegna: le emittenti della provincia di Sassari e la loro complicata situazione in tempi di Coronavirus