Tv nazionali, Rai: un premio a un progetto delle Teche alla Conferenza Mondiale degli Archivi Audiovisivi di Venezia

Teche

La Rai e le sue Teche ottengono un significativo riconoscimento nell’ambito della Conferenza Mondiale degli Archivi Audiovisivi Fiat\Ifta, che si è svolta a Venezia (nella bella sede di Palazzo Labia della Rai del Veneto). Il premio è andato a un “sistema intelligente” in grado di viaggiare tra migliaia di ore di video e di riconoscere tutti gli elementi uguali tra loro, siano essi volti, luoghi o situazioni di vita quotidiana.
Si tratta del nuovo progetto di Visual Research firmato da Teche Rai e Centro Ricerche e Innovazione Tecnologica che si è aggiudicato il premio “Excellence in Media Management”, attribuito dalla giuria internazionale nell’ambito della Conferenza degli Archivi, durante la quale broadcaster e istituzioni che vanno dalla National Library del Congresso americano alla BBC, dalla Tv di Stato cinese all’Ina francese si sono confrontati su tutela e valorizzazione del proprio patrimonio. Secondo i giurati, il progetto Rai “è vantaggioso per chiunque sia coinvolto nel processo di ricerca e utilizzo di materiale archivistico ed è aperto a nuove evoluzioni in futuro. La giuria apprezza fortemente che il progetto porti il grande potenziale di una tecnologia di intelligenza artificiale a un livello praticamente applicabile”.

Nella serata delle premiazioni – condotta dal giornalista del Tg1 Alberto Matano – vincitrici anche Australia e Danimarca, che si sono aggiudicate rispettivamente il Premio “Excellence in Media Preservation” e quello “Excellence in Archival Use and Valorization”. Il primo – ‘Preserving Australian Broadcast History’ della Sbs – è un progetto di conservazione degli archivi, mentre il secondo – ‘Your Town, Your Story’ della Danish Radio – è un progetto interattivo che utilizza gli archivi digitali.
Tutelare gli archivi – ha detto Maria Pia Ammirati, direttore di Rai Teche, che ha organizzato l’edizione veneziana della Conferenza Fiat\Ifta – significa fare vero servizio pubblico e lo spirito di questi quattro giorni di conferenze è stato quello di presentare al mondo della comunicazione l’importanza e la vitalità degli archivi audiovisivi e di sottolinearne l’importanza strategica ed economica. La sintesi della conferenza è, intanto, il grande plauso della platea straniera a Venezia: tutti i partecipanti sono rimasti colpiti non solo dalla bellezza della città, ma dalla gentilezza di tutti e del sindaco che, arrivato a sorpresa per salutare, ha aperto le sale di Wagner al Casinò e ha fatto un brindisi augurale”.

Dal punto di vista operativo – ha aggiunto Ammirati – c’è il progetto di mettere sempre più in comune gli archivi. Fare ‘sharing’ superando gli ostacoli burocratici, primo tra tutti la salvaguardia dei diritti, per comparare le diverse storie identitarie dei Paesi e tornare alle proprie radici comuni. Un grande progetto culturale, ma anche un progetto che chiami al lavoro di alta qualità giovani e professionisti più anziani che possano consegnare sapere e tecniche preziose”.
Alla Conferenza Fiat\Ifta hanno partecipato circa 250 esperti, tecnici e professionisti del mondo degli archivi della Tv e degli audiovisivi, che per quattro giorni si sono confrontati a Palazzo Labia sul “Rinascimento” delle Teche (tema cui questo periodico  riserva molta attenzione) e su argomenti come conservazione, riuso, digitalizzazione, nuove piattaforme e sfide tecnologiche.
Anche Rai Teche è alle prese con un poderoso processo di digitalizzazione, attraverso imponenti risorse economiche e umane, per rendere fruibile a tutti l’archivio del Servizio Pubblico italiano – siamo tornati alle dichiarazioni di Ammirati – . La storia italiana dal 1924 in poi, l’anno cioè della nascita ufficiale della Radio pubblica, è fortemente segnata dalla presenza dei prodotti audiovisivi. E per questa ragione nessuno potrà mai conoscere la storia recente dell’Italia senza passare dall’archivio Rai, che ora è ampiamente digitalizzato e dunque sempre più facilmente accessibile, come dimostra la fortuna della piattaforma digitale Rai Play, dove Rai Teche pubblica i programmi storici della Tv pubblica”.

Per gli archivi Rai e per quelli degli altri protagonisti della Conferenza veneziana si apre dunque la strada di una seconda vita: non più solo come parte “museale” delle Televisioni e Radio ma come giacimento culturale di contenuti a cui poter attingere. Lo ha testimoniato anche la partecipazione alla Conferenza Generale del 10 ottobre della Direttrice del Dipartimento Europeo per la Scienza e Cultura dell’UNESCO Ana Luiza Massot Thompson-Flores, con una lecture sull’attività dell’Unesco per la conservazione della memoria storica attraverso gli archivi audiovisivi.
Un seconda vita, dunque, ma che deve fare i conti con problemi nuovi, come quelli posti dalla nuova normativa sulla protezione dei dati personali GDPR e sulla sua applicazione in ambito audiovisivo. Se ne è parlato il 9 ottobre con Giovanna Bianchi Clerici, componente dell’Autorità Garante per la Protezione dei Dati Personali, e Pietro Grignani, Data Protection Officer della Rai.
E c’è anche un’altra sfida che attende gli archivi, cui già si accennava prima: come renderli fruibili a tutti senza violare copyright e diritti? Una questione tecnologica, ma anche culturale, che è stata al centro dell’incontro del 10 ottobre sugli “Archivi e la sfida del copyright nell’era digitale dal punto di vista di un Public Service Media”, con un’analisi dello stato dell’arte dopo l’approvazione del decreto UE su copyright e diritto d’autore.
La FIAT/IFTA World Conference 2018 rientrava nel calendario italiano dell’Anno Europeo del Patrimonio Culturale 2018, promosso dal Parlamento Europeo (M.R. per NL)

printfriendly pdf button - Tv nazionali, Rai: un premio a un progetto delle Teche alla Conferenza Mondiale degli Archivi Audiovisivi di Venezia
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on telegram
Send Mail 2a1 - Tv nazionali, Rai: un premio a un progetto delle Teche alla Conferenza Mondiale degli Archivi Audiovisivi di Venezia

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL