Tv sul cellulare: gli operatori ammettono il flop e si ritirano

Gli ingenti investimenti effettuati nel corso dei quattro anni trascorsi dal lancio della tv mobile non hanno dato i frutti sperati, tanto che TIM ha annunciato che entro fine anno spegnerà il suo canale DVB-H – nonostante il contratto quinquennale stipulato a suo tempo con Mediaset per l’uso delle frequenze e della rete scada nel corso del prossimo anno.

Con tutta probabilità anche Vodafone la seguirà a ruota, mentre 3Italia sembra essere l’unica che ancora crede nel servizio. Un progetto da milioni di euro ed ora clamorosamente fallito: per Tim e Vodafone si parla, infatti, di cifre che si attestano attorno ai 14 milioni di euro (l’anno) – ma solo per l’uso delle frequenze e della rete, in quanto, la cifra raggiunge quota 140 milioni di euro se si aggiungono i costi per i contenuti –, mentre 3Italia, per avere le frequenze, aveva addirittura acquistato un’emittente – Canale7 – alla modica cifra di 220 milioni di euro. Le principali cause del flop sembrano potersi riscontrare in primis nella mancanza di servizi aggiuntivi o innovazioni legati alla mobile tv, trattandosi del semplice trasporto di contenuti televisivi sul mobile. Inoltre, la crescente penetrazione di internet tra gli italiani nonché la diffusione di nuove tecnologie quali smartphone e tablet pc hanno messo in secondo piano la tv su cellulare. Le frequenze DVB-H liberate entreranno nel calderone del dividendo digitale esterno, di cui si attende l’annuncio dell’asta per la rassegnazione (e dalla quale sono attesi ricavi per 2,5 miliardi di euro, contro i 4 incassati in Germania). Si auspica che tali frequenze siano destinate al potenziamento e miglioramento della la banda larga mobile, al fine di ovviare ai problemi che attualmente affliggono il traffico internet da dispositivi mobile: connessioni rallentate per via del sovraffollamento, operatori che addirittura non consentono di utilizzare il cellulare come modem o compagnie telefoniche che chiedono il pagamento di un surplus per avere accessi alla rete più veloci. (M.C. per NL)

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - Tv sul cellulare: gli operatori ammettono il flop e si ritirano

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL