UK. Il blogger: da anonimo opinionista a personaggio pubblico, ma non sempre è sbagliato o negativo

Un caso che probabilmente farà giurisprudenza. L’Alta Corte ha respinto la richiesta di anonimato avanzata da un blogger britannico, ex poliziotto, che all’interno del suo blog commentava fatti ed avvenimenti dei colleghi, casi giudiziari ancora aperti o dei quali aveva ricevuto l’incarico nel passato, senza curarsi minimamente delle eventuali implicazioni e conseguenze.

Contava, infatti, sul proprio anonimato. Ma la giustizia inglese ha considerato, a tutti gli effetti, l’attività di un blogger come “attività pubblica”, in quanto fonte di notizie accessibile a tutti e non “foglio clandestino”. E a pensarci bene, potrebbe non essere poi così sbagliato. Infatti, nel momento in cui il blog assume visibilità, gli utenti si moltiplicano ed i commenti anche, mantenere l’anonimato priva la notizia pubblicata di quel sapore di verità che invece possiede il commento sottoscritto dal suo autore; in effetti prendersi la responsabilità di ciò che si scrive, soprattutto quando i commenti attengono a fatti realmente accaduti, non è un principio peregrino. Diversamente, si potrebbe obiettare che per quanto controverso, l’anonimato resta un fondamentale strumento per la libertà di espressione, soprattutto in quei paesi, come la Cina, dove tale libertà non è garantita. In Italia, invece, dove l’aria che si respira è certamente diversa, questo argomento tiene banco soprattutto in riferimento alla nuova norma contenuta nel DDL intercettazioni, che prevede l’obbligo di rettifica – già previsto per la carta stampata – per qualsiasi tipo di pubblicazione on-line, blog compresi, attualmente in discussione in Parlamento. (L.B. per NL)

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - UK. Il blogger: da anonimo opinionista a personaggio pubblico, ma non sempre è sbagliato o negativo

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL