Unione Cronisti: “Napoli, clima difficile, tentativo di censura per la stampa”

Il sindaco di Napoli Rosa Iervolino Russo dimostra di essere intenzionata a proseguire la sua azione che punta a un chiaro tentativo di mettere il bavaglio alla stampa in un momento delicato per la citta”’, si legge nella nota del sindacato


(Franco Abruzzo.it) – Roma, 19 gennaio 2009. C’e’ un ”clima difficile” nella città di Napoli per i giornalisti. E’ quanto denuncia l’Unione Nazionale Cronisti Italiani in una nota. ”Divieto di accesso a Palazzo San Giacomo, casa della città, per i cronisti. Divieto di parlare senza avere avuto il permesso del dipartimento comunicazione per gli assessori. Difficoltà e impedimenti logistici perfino durante le sedute del consiglio comunale. Il sindaco di Napoli Rosa Iervolino Russo dimostra di essere intenzionata a proseguire la sua azione che punta a un chiaro tentativo di mettere il bavaglio alla stampa in un momento delicato per la citta”’, si legge nella nota.
”La protesta di questa mattina dei cronisti che seguono le vicende politiche del Comune di Napoli – proseguono nella nota congiunta il presidente dell’Unione Nazionale Cronisti Italiani, Guido Columba, e della Campania, Renato Rocco – e’ un’ulteriore dimostrazione del difficile clima che aleggia in citta’ verso i giornalisti. Dietro la necessita’ di trovare un’unica linea comportamentale e di informazione da parte del Comune c’e’ un forte tentativo di censura verso la stampa, nell’intento di portare avanti una strategia di disinformazione diretta ai cittadini. Chi proclama trasparenza si contraddice nel momento in cui assume atteggiamenti di vera censura”.
”Se si ricorda che all’inizio di dicembre il redattore de Il Napoli Alessandro Migliaccio e’ stato preso a schiaffi dal Comandante dei vigili Luigi Sementa e che pochi giorni dopo, in occasione del suicidio dell’assessore Giorgio Nugnes, la stessa Iervolino si e’ avventurata a parlare di ‘sciacallaggio giornalistico’, si ha una indicazione del modo con cui l’attuale occupante pro tempore di Palazzo San Giacomo intende rapportarsi con la libertà di informazione”, continua la nota. ”Ma se gli assessori possono accettare di farsi imbavagliare, per i cronisti ciò è impossibile e, quindi, continueranno a informare i napoletani di ciò che avviene nel Palazzo, delle idee, delle proposte e dei fatti, come anche del gossip politico”, conclude il comunicato. (Adnkronos)

printfriendly pdf button - Unione Cronisti: "Napoli, clima difficile, tentativo di censura per la stampa"
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on telegram
Send Mail 2a1 - Unione Cronisti: "Napoli, clima difficile, tentativo di censura per la stampa"

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL