USA, la polizia non tollera i link

Una donna è stata denunciata per aver inserito sul proprio sito un link al sito del dipartimento locale di polizia. Ma non la manda giù, e trascina le autorità in tribunale. In ballo il diritto di link


Punto Informatico

Roma – Postare nel proprio sito web link è come scrivere un indirizzo, pensava Jennifer Reisinger, una donna del Wisconsin. Segnalare un link al sito del dipartimento di polizia locale è rendere un servizio ai propri concittadini. Lo ha pensato fino a quando non le è piombata tra capo e collo una denuncia.

La vicenda, iniziata il 18 ottobre del 2007, è stata scatenata da un innocente, innocuo e semplice link dal suo sito verso quello del locale dipartimento di polizia, che le autorità hanno chiesto di rimuovere. La donna ha ribattuto sostenendo che un link è assolutamente libero e può essere inserito con o senza il consenso della controparte. Ha quindi ricevuto una diffida: Reisinger ha rimosso il link, ma qualcosa le è rimasto sullo stomaco. E ha denunciato le autorità.

Prescindendo da alcuni retroscena, che il Milwaukee Journal Sentinel si premura di illustrare, resta un caso primo ed unico nel suo genere: così lo definisce Bruce Boyden, professore di legge alla Marquette University, specializzato in questioni relative a Internet e al copyright.

“Se si arriverà al processo e ci sarà una sentenza, credo si tratti della prima negli Stati Uniti”, ha raccontato il professore alla testata locale. La donna dichiara, infatti, che i diritti sanciti dal Primo Emendamento con questa vicenda sono stati “violati dalla città”. Per questo, Jennifer Reisinger chiede 250mila dollari di danni e risarcimenti assortiti: tutto per un solo, innocuo link, divenuto emblema del diritto di link, essenziale allo sviluppo del web.

Marco Valerio Principato

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - USA, la polizia non tollera i link

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL