Web. Agcom: Whatsapp paghi il pedaggio agli operatori di rete

In violazione con le norme del buon senso, oltre che della neutralità di rete, Agcom avanza, in seguito ad un’indagine conoscitiva, la proposta di imporre alle app di messaggistica un dazio da pagare agli operatori di rete, per il trasporto dei dati e l’utilizzo dei numeri di telefono.

Agcom punta il dito contro le applicazioni di messaggistica come Whatsapp e discute una proposta che imponga a queste un “obbligo a negoziare” con gli operatori tlc una somma da corrispondergli in cambio del trasporto sulla rete e l’utilizzo dei numeri di telefono che sono proprietà degli operatori. Antonio Preto, relatore dell’indagine conoscitiva condotta dall’authority, sostiene che i proprietari di queste applicazioni dovrebbero sostanzialmente pagare un pedaggio “equo, proporzionato, non discriminatorio” in modo da non rischiare di schiacciare i player meno potenti e lasciare mercati in mano ai colossi come Facebook. Il problema della proposta sta nella palese violazione delle norme sulla neutralità di rete, approvate dal Parlamento Europeo sul finire dello scorso ottobre e che, sostanzialmente, impongono alle telco di trattare tutto il traffico internet nello stesso modo e vietano categoricamente di discriminare i contenuti offerti dal web; ovviamente, se ne può dedurre che a nessuna delle applicazioni di messaggistica possa essere precluso l’accesso al mercato, anche rifiutandosi di corrispondere un pagamento al provider. Inoltre, essendo l’Italia sostanzialmente l’unico paese ad avanzare una simile proposta, questi servizi potrebbero semplicemente abbandonare il nostro paese e risolvere quindi il problema a monte. Nella proposta, si legge inoltre che ai gestori delle applicazioni sarebbe permesso di accedere alla possibilità di effettuare addebiti diretti sul credito telefonico, spingendo di fatto verso un modello freemium che non è proprio di tutte le app di messaggistica (ad esempio Whatsapp è ormai completamente gratuita). (E.V. per NL)

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - Web. Agcom: Whatsapp paghi il pedaggio agli operatori di rete

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL